La Undicesima edizione de Invito a Corte “Corteo Storico Città di Carovigno” 2016, come è ormai consuetudine, si svolgerà il dodici e tredici Agosto nella Città addobbata con i vessilli e le insegne del tempo.

La rievocazione storica mette in scena l’anno domini 1386 con tutto quell’universo umano che ruotava intorno alle poderosa mura del Castello. L’arrivo nelle terre di Carbinia, dei regnanti, Raimondo Del Balzo Orsini e Maria D’Enghien il saluto delle contrade e la festa in loro onore. I residenti delle terre vicine, dame, cavalieri, spadaccini, giullari, armigeri e popolani renderanno omaggio portando in dono il frutto del loro lavoro e si cimenteranno in vari numeri di attrazione. A scandire i momenti salienti l’araldo dell’Università di Carbinia con “L’INVITO A CORTE”: “Il giorno 13 dell’ottavo mese dell’anno del signore 1386 li nobili regnanti nostri: Raimondo Del Balzo Orsini e la nobilissima Maria D’Enghien Contessa di Lecce e Taranto fanno visita alle terre di Carbinia. Sbandieratori, Musici, Giullari, Omini d’arme e popolo tutto fate festa in loro onore. Si Canti, si balli e si rinunzi agli affanni in questa notte di stelle”

Il dodici Agosto

Con Inizio alle Ore 19:30 con la lettura del “Bando di invito a corte” nel Castello, nel borgo antico ed in piazza poi, si dà il via ai festeggiamenti con la cena dei regnanti che si collega alla cena medioevale aperta al pubblico nell’atrio del Castello. Un menù suggestivo e ricco che prevede: Focaccia Bianca del conte, assaggi di formaggi, salumi e ricotta con marmellata di fichi e noci, olive e cipolla gratinata. Minestra di legumi, Fave e Cicoria, ricco arrosto di capocollo di cinghiale con Verdure Grigliate ed i Dolci di Paste di Mandorle. Vino, Acqua e liquore tipico. Per i commensali spettacoli di giocolieri, portatori di serpenti, mangiafuoco e sbandieratori.

Il tredici Agosto

Alle Ore 19:30 Accampamenti e postazioni medievali in piazza con la lettura del bando d’invito a corte e la perlustrazione degli armigeri prima dell’arrivo dei regnanti. Alle 21:00 dal Castello partirà il grande corteo storico che percorrerà le vie del centro storico per giungere in piazza Nzegna con la cerimonia della consegna dei doni, il saluto delle contrade e la festa del borgo antico con Sbandieratori, artisti di strada, spadaccini, balli medievali e popolani in festa. La rievocazione storica vedrà oltre 200 figuranti in costume storico mettere in risalto tutto quell’universo umano che ruotava ai piedi del nostro poderoso Castello ed i festeggiamenti in auge intorno al 1586. I gruppi che partecipano a questa nona edizione sono: Gruppo Sbandieratori Rione Castello e Compagnia

Sbandieratori e Musici “I Carvinati” di Carovigno, gli Artisti di Strada del Gruppo Ntartien di Carovigno, il Gruppo Storico Archibugieri “Brancaleone” di Barletta, i Cavalieri del Balì di Putignano, i cavalieri della Spada Spezzata di Bitetto, il Gruppo Storico e armigeri della Scamiciata di Fasano(Br), il Gruppo Storico “Santo Francesco” della città di Triggiano ed il gruppo storico della città di Conversano. In piazza vi sarà lo stand dell’oste per la degustazione di carne alla brace ed un mercato medioevale con i mestieri e gli usi del tempo. L’evento organizzato dall’Ente Culturale Puglia con la collaborazione della Aver’S Management è patrocinato dal Comune di Carovigno e Regione Puglia rientra nel progetto “Tutto lo Spettacolo dal Vivo” di Bollenti spiriti in collaborazione con il Teatro Italia di Carovigno. Ringraziamento và a quanti hanno collaborato, agli sponsor, al Sindaco di Carovigno e all’assessore alla cultura e spettacolo, Piero LAGHEZZA, ed alla nostra storica Tonia BARILLA’ ed al consulente Artistico e decano del folklore e delle tradizioni pugliesi, PEPPINO PALASCIANO per la disponibilità ed attenzione alle iniziative di promozione sociale e culturale.

La partecipazione all’evento dei tanti residenti e turisti che in quel periodo soggiornano nelle nostre località ci onora e ci inorgoglisce perché inserita negli appuntamenti storici di grande prestigio della nostra regione.

Articoli Interessanti