Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

La Puglia è protagonista dei principali programmi televisivi di divulgazione scientifica e promozione turistica in onda sulla RAI. Dopo la grande attenzione di RAI 2, con Sereno Variabile condotto da Osvaldo Bevilacqua, che nel corso dell’estate ha raccontato le tante bellezze della regione, sabato 10 ottobre c’è RAI 1 con Linea Verde Orizzonti e RAI 3 con Ulisse.

Sabato, 10 ottobre alle 11.30 su Rai 1 Linea Verde Orizzonti racconta gli angoli più belli di Lecce, scrigno di arte e cultura, dai tesori nascosti e ancora poco conosciuti. I due conduttori, Chiara Giallonardo e Ivan Bocchi, hanno curiosato tra i palazzi gentilizi, l’anfiteatro romano e i giardini segreti che hanno spesso fatto da sfondo a numerosi film di successo. Riflettori accesi anche sull’arte della cartapesta e sul Museo Faggiano con la storia di questa famiglia che nel 1984 acquistò una casa nel centro storico per farne un ristorante, ma vi ritrovò uno straordinario tesoro archeologico. Viaggio poi alla scoperta del Salento lento a bordo di un treno storico, classe 1903. Focus sul borgo di Acaya, la città ideale del Rinascimento, dove le stradine e le piazze sono state ideate con il multiplo del 3. Immancabili gli ulivi millenari di Strudà.

Sabato 10 ottobre e 17 ottobre alle ore 21.30 su Rai 3 il viaggio di Ulisse, condotto da Alberto Angela,  è in Puglia. Dai Monti Dauni al Gargano giù fino al Salento, toccando la terra di Bari e la sua costa, la Valle d’Itria, la Magna Grecia, le Gravine. Immancabili le immagini  della Cattedrale di Trani, del Castel del Monte, delle Isole Tremiti con il villaggio Touring. C’è anche Barletta, Gravina di Puglia, le Grotte di Castellana, Bari Vecchia,  il Petruzzelli, Alberobello, gli ulivi secolari del fasanese, Ostuni e la sua antica mamma, Taranto e Grottaglie.
La scoperta della regione proseguirà in Salento con l‘anfiteatro romano, il duomo, la cartapesta. Quindi la cattedrale di Otranto, la Basilica orsiniana di Galatina, Castro e la grotta della Zinzulusa. Non mancano le bande musicali pugliesi e la bellezza della campagna pugliese e della vita rurale.