Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

Il progetto ha già raccolto 2 mila sostenitori sulla piattaforma Ideas. A 10 mila l’azienda deciderà se metterlo in commercio o meno. L’ideatore: «Numeri positivi, sono ottimista».

Patrimonio Unesco dal 1996, i trulli di Alberobello potrebbero presto diventare un set Lego in vendita in tutto il mondo. Il condizionale per ora è d’obbligo, ma questo è quanto si augura il 44enne grafico barese Renato Lovicario, che ha caricato sulla piattaforma Ideas un inedito set che raffigura due delle tipiche abitazioni del borgo pugliese (questo il link).

L’ha costruito lui stesso con circa 3 mila mattoncini, attento a non tralasciare alcun particolare: dalle galline alle piante ornamentali, dalle biciclette alle lanterne davanti ai portoni, fino a un grande albero che sporge sulla sinistra. Un gioiellino ricco di dettagli che ha da subito ottenuto grande successo: presentato ufficialmente martedì scorso, in appena una settimana è riuscito ad accumulare oltre 2 mila sostenitori.

Ne serviranno in tutto 10 mila (da totalizzare nei prossimi 600 giorni) per sottoporre il progetto al giudizio dell’azienda danese. Qualora l’idea dovesse superare anche questo secondo step, i trulli della Lego diventerebbero ufficialmente realtà.

«Faccio i complimenti a Renato Lovicario per l’originalissima idea – dice il sindaco Michele Longo che è anche delegato Anci Puglia per il turismo – e invito tutti a votare il più possibile affinché la lego possa premiare questo progetto con la realizzazione di un set dedicato ad Alberobello e, attraverso i nostri trulli, alla Puglia intera, perché le nostre case a cono sono il simbolo della nostra regione in tutto il mondo. E i valori della nostra terra rispecchiano quelli della Lego. La pazienza, la dedizione, l’impegno con cui si gioca con i mattoncini sono le stesse che hanno messo i nostri antenati nella costruzione dei trulli. E’ una fatica in miniatura che in scala però riproduce la stessa laboriosità e determinazione dei bambini, valori da tramandare di generazione in generazione. Proprio come l’unicità di un trullo».