Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

Una importante precisazione inviata alla stampa dal presidente del Consorzio Rosa Marina, a proposito della notizia della scoperta e del sequestro di una discarica abusiva da parte dei carabinieri forestali

Importante precisazione inviata alla stampa dal presidente del Consorzio Rosa Marina, a proposito della notizia della scoperta e del sequestro di una discarica abusiva da parte dei carabinieri forestali, in cui si sottolinea che l’operazione di servizio non è avvenuta all’interno del perimetro del villaggio, ma in un’area esterna.

“A seguito di comunicazioni errate apparse sui mezzi di informazione a stampa riguardanti il sequestro di un’area di circa 3,5 ettari interna al villaggio Rosa Marina da parte dei carabinieri forestali, il presidente ed il consiglio di amministrazione del Consorzio Rosa Marina, smentiscono decisamente quanto pubblicato, precisando che l’area in oggetto è posizionata oltre il confine sud del villaggio, quindi esterna allo stesso. Elemento, presumiamo,ben noto anche ai carabinieri forestali di Ostuni”.

“Tanto era necessario chiarire allo scopo di ristabilire la verità dei fatti accaduti ed eliminare qualsiasi dubbio o preoccupazione al riguardo, tra le migliaia di persone a vario titolo legate a Rosa Marina”, concluide il presidente del Consorzio Rosa Marina, Francesco Paolo De Mattia. Nella discarica abusiva c’erano anche rifiuti speciali pericoli, come lastre di Eternit.