Pubblicità

Alberghiero. Situazione al collasso studenti infuriati contro l’amministrazione provinciale: “Si trovi un rimedio”. Il sindaco Caroli: “È una situazione a dir poco vergognosa”.

Hanno gridato e manifestato tutta la loro rabbia per una questione che ormai va avanti da diversi anni. Gli alunni dell’istituto “Cataldo Agostinelli” di Ceglie Messapica, questa mattina ancora una volta hanno manifestato il disservizio per una scuola che oggi è un cantiere aperta abbandonato a se stesso. Ieri mattina l’appello era stato lanciato dal Sindaco di Ceglie Messapica Luigi Caroli, che in una nota aveva sottolineato: “È una situazione a dir poco vergognosa. L’abbandono più assoluto, sporcizia, materiali inerti accantonati ovunque, persino sterco di animali sulle strade di accesso, oltre al totale non funzionamento degli impianti termici di riscaldamento. Per non parlare delle infiltrazioni di acqua e della mancanza di manutenzione di qualsiasi tipo all’interno del plesso. Qualora l’Amministrazione Provinciale non dovesse avere le risorse e/o la volontà per ristabilire immediatamente le condizioni di vivibilità, almeno ordinarie, e di decoro, l’Amministrazione Comunale di Ceglie Messapica è disponibile a farsi carico del problema e ad intervenire con risorse proprie. La città non può più aspettare, gli studenti e tutto il personale della scuola non possono più aspettare. I ragazzi che frequentano l’alberghiero “Agostinelli” hanno il diritto di vivere e studiare in una scuola degna di questo nome”. Parole forti quelle del primo cittadino della Città della Gastronomia, che trovano riscontro nella rabbia dei giovani alunni del plesso situato a pochi passi dallo stadio comunale.

Questa mattina ci siamo recati sul posto ed abbiamo ascoltato dalla voce dei protagonisti il disservizio nei confronti degli alunni dell’Agostinelli.

I Particolari nel Servizio di Flavio Cellie e Leo Semerano.