Pubblicità

La scoperta è stata fatta alle porte di Ceglie Messapica, nei pressi della strada per Francavilla Fontana. Informata la Soprintendenza di Taranto

Sono affiorati i resti di una tomba stamani alle porte di Ceglie Messapica, mentre erano in corso dei lavori di ampliamento della strada provinciale per Francavilla Fontana. La scoperta è stata fatta alle porte del centro abitato, in un terreno di campagna in cui già negli anni 80, durante i lavori di realizzazione di alcuni palazzine, vennero ritrovate diverse tombe d’epoca messapica.

In questo caso, però, non vi sono ancora abbastanza elementi per datare i reperti. L’amministrazione comunale ha messo subito al corrente dei fatti la Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio di Taranto, che nei prossimi giorni invierà degli archeologi sul campo per i rilievi di rito.

Non si esclude che il sottosuolo possa riservare altre sorprese. Le campagne che circondano il Comune messapico infatti hanno restituito in passato decine di reperti archeologici, gran parte dei quali custodia presso il museo Maac (Museo archeologico e di arte contemporanea) di Ceglie, il cui responsabile è il professore Isidoro Conte.