Pubblicità

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Presidente dell’Associazione “Il futuro ci appartiene” ed ex assessore Giovanni Fedele.

Sulla stampa abbiamo letto che il PD sia intenzionato ad uscire dalla Maggioranza di Governo per alcune motivazioni, tra le quali, il Bando Regionale sulla Rigenerazione Urbana. Una premessa: si tratta di una misura molto importante approvata dalla Regione Puglia per permettere ai Comuni senza quattrini o strangolati dal Patto di Stabilità, di poter accedere a quei fondi utili a far ”girare” l’economia riqualificando interi quartieri cittadini apportando servizi. Questo il senso del bando.

Per quanto riguarda la discussione che sta avvenendo nella nostra città su questo argomento devo rilevare che:

  1. In tutte le altre città, si discute pubblicamente confrontando idee e progetti che possano migliorare le proprie realtà sia dal punto di vista della vivibilità che dell’appeal, mentre ad Ostuni questo dibattito non v’è stato ma solo riunioni nelle segrete stanze tra ”i soliti noti” che da venti anni tengono politicamente in ostaggio questa città, con il silenzio connivente di chi a parole, diceva di combattere le opacità e gli interessi privati;
  2. Incredibilmente pare che circolino piantine ufficiose che prevedono riqualificazioni non dell’esistente apportando servizi, parcheggi ed opere pubbliche in alcune aree che ne risultano prive, ma di TERRENI AGRICOLI sempre dei soliti, con la scusa che si rischiano di perdere i fondi regionali. In pratica, si sta preparando un ulteriore ”Mega Speculazione Edilizia” da parte di coloro che hanno perso le elezioni e che grazie alla gravissima responsabilità del Sindaco e di chi lo assiste e coadiuva, determinano le scelte della nostra città.

Pertanto, alla luce di tutto ciò, rivolgo un accorato appello al Sindaco di Ostuni, ai consiglieri comunali che si definiscono di Centro Destra, ai Parlamentari della Repubblica: si approvi lo schema di riqualificazione urbana senza prevedere il recupero di terreni in zona agricola scegliendo le zone su cui intervenire attraverso degli incontri pubblici da svolgere in tempi celeri( se si è ancora in tempo), in modo da evitare che per salvare le PROPRIE POLTRONE, si distrugga una grande opportunità per la nostra città derivante da fondi ( si parla di 3,5 – 4 milioni di euro) che potrebbero cambiare il volto della nostra Ostuni.

Avete accettato di tutto in questi due anni: una finta Giunta Tecnica, incarichi, nomine e progetti imposti dal PD che aveva perso le elezioni, l’allontanamento brutale di quattro Assessori eletti dal popolo ed altri tre candidati nelle liste dell’ allora coalizione del Cambiamento, la distruzione di una coalizione, ma approvare Progetti della Lobby del Mattone contravvenendo a quanto dichiarato negli ultimi quindici anni ma soprattutto appena tre anni fa sui palchi duranti i comizi della scorsa campagna elettorale, sarebbe davvero il colmo.

Comunicato Stampa – Giovanni Fedele Presidente dell’Associazione ” IL FUTURO CI APPARTIENE ”