Comune di Locorotondo: attivazione centro d’ascolto

comune di Locorotondo

Comune di Locorotondo: attivazione centro d’ascolto

Il Comune di Locorotondo informa che, tra le attività di sensibilizzazione e prevenzione previste dall’Ambito Territoriale di Putignano – di cui il Comune di Locorotondo fa parte – è stata prevista l’attivazione di un centro di ascolto, in via sperimentale, all’interno dell’IISS “Basile Caramia – F. Gigante”, al fine di promuovere relazioni pari tra adolescenti e prevenire la violenza di genere.

“A far data da oggi – sottolinea l’assessore alle Politiche Sociali Paolo Giacovelli – le studentesse e gli studenti potranno dunque rivolgersi allo sportello di Ascolto presente all’interno della propria scuola: la psicologa dell’Equipe del Centro antiviolenza Andromeda, Francesca Palmisano, accoglierà ragazze e ragazzi (ma anche docenti) che intendano chiedere un parere, un’informazione, un suggerimento, avendo osservato o vissuto, o essendo venuti a conoscenza di situazioni di disagio, sofferenza o violenza nelle relazioni di coppia”.

“La sperimentazione – precisa la consigliera Mariangela Convertini delegata alle Pari Opportunità – prevede, in questa prima fase, l’apertura dello sportello due mattine al mese preceduta, in questi giorni, da un’intensa attività di sensibilizzazione e informazione, destinata ad offrire tutti i dettagli dell’attività del Centro Antiviolenza e il sostegno offerto dallo sportello”.

Leggi anche:  Comune di Locorotondo: Polo educativo: avvio al percorso di co-programmazione

Un passo importante nella prevenzione alla violenza di genere, reso possibile anche grazie al sostegno di tutto il corpo docente e della dirigente Angelinda Griseta che da sempre hanno creduto in questo progetto, che afferma «I ragazzi e le ragazze vivono una nuova realtà, dopo un periodo di forzato isolamento e una diffusa sensazione di ansia e pericolo. Sono tornati letteralmente allo scoperto, nella fisicità e nell’anima, e spesso si riscoprono incapaci di gestire corpi ed emozioni. Il compito degli educatori è di ascoltare e costruire uno scambio empatico che sia promotore di relazione, perché la Scuola è prima di tutto relazione, non è giudizio o una prova ad ostacoli. Lo sportello di ascolto è uno degli strumenti fondamentali che sosterrà i nostri studenti nella costruzione di un’identità consapevole e proattiva.»