Volantino Spazio Conad Mesagne

L’incontro si è svolto presso l’Auditorium Boccardi dell’I.I.S.S. “Basile Caramia – Gigante”

LOCOROTONDO – Prosegue il percorso di lettura e di sensibilizzazione alla legalità, con gli studenti e non solo, a cura dell’Associazione Legalitria, da cui prende il nome lo stesso Festival. Oggi, 3 maggio 2022, Legalitria ha fatto tappa a Locorotondo presso l’Auditorium Boccardi dell’I.I.S.S. “Basile Caramia – Gigante”.

Legalitria è un progetto giunto alla sua quinta edizione, che nel corso degli anni ha allargato la sua platea coinvolgendo molti Comuni e diverse Regioni italiane. Nasce dalla necessità di educare alla legalità i giovani, fascia più sensibile e vulnerabile della società, a quelli che sono i veri valori e raccontando loro storie di uomini che si sono battuti e dato la propria vita per la verità.

Ospite d’eccezione di questa mattina è stato lo scrittore Giovanni Impastato, fratello minore di Peppino Impastato. Testimonianza vivente della lotta per la giustizia, insieme alla sua mamma la Signora Felicia non hanno reso vana la morte di Peppino Impastato e hanno dato, allo stesso tempo, dignità alle loro stesse vite allontanandosi dall’illegalità. Ad accogliere lo scritto Impastato c’era il Vicepreside dell’I.I.S.S. “Basile Caramia – Gigante” prof. Nicola Calella, il Presidente dell’Associazione Legalitria Antonio Salamina, il Presidente di Radici Future Edizioni Antonio Lopierno, il Vicesindaco di Locorotondo Vitantonio Speciale, il Sindaco di Cisternino Lorenzo Perrini e gli Assessori dei Comuni di Alberobello e Fasano.

“Davvero una giornata particolare, – commenta il Vicesindaco Vitantonio Speciale – di quelle che non dimentichi facilmente. Gli insegnamenti, le esperienze vissute e le testimonianze di Giovanni Impastato sono riuscite ad attrarre i tanti giovani presenti e tutti noi.

Il dolore trasformato in forza e la determinazione e la rabbia che non hanno mai ceduto il posto alla lucidità e al perdono, hanno permesso alla famiglia Impastato di scrivere una delle più belle pagine dell’antimafia in Italia.
Grazie per l’opportunità che Legalitria continua ad offrirci.”