Davvero un ‘bel vedere’. Martina svela la sua ‘grande bellezza’

mascherone bw
mascherone bw

Ancora un giorno per ammirare i tesori del centro storico martinese.

Si conclude oggi: “Martina Franca, un bel vedere“, l’evento promosso dal Comune, in rete con Lecce e Bitonto, nell’ambito dell’edizione 2014 delle “Giornate del patrimonio“.

Un programma ricchissimo, tra visite guidate alla scoperta o alla riscoperta delle bellezze inestimabili custodite dal borgo antico, mostre, incontri culturali, installazioni artistiche e presentazioni di libri. A promuoverlo, l’Assessorato alle Attività Culturali, l’associazione “Dimore Storiche Italiane – sezione Puglia” in collaborazione con il Fai – delegazione di Taranto, la Fondazione “Paolo Grassi”, il Gruppo Umanesimo della Pietra,  Dgtales – racconti digitali, la Congregazione del Santissimo Sacramento e Monte Purgatorio, AureArte, Arte Franca, l’Ecomuseo della Valle d’Itria, il  SerMartina, la Croce Rossa Italiana, i giovani del Liceo Classico “Tito Livio”, del Liceo Artistico Calò e dell’Istituto Motolese. Questo il programma, nel dettaglio.

Questa mattina, a partire dalle ore 11: la presentazione, curata da Daniela Rota, alle Terrazze del Palazzo Lopez (Albergo diffuso “Rococò”), del libro “Giuseppe Aprile. L’idolo di Napoli” di Angelo Marinò.

In serata: alle ore 18.00  nel Chiostro delle Agostiniane (ex Salesiane) Domenico Blasi, direttore di Umanesimo della Pietra, relazionerà su “I conventi nella storia di Martina”. Alle ore 19.30, in occasione del Bicentenario della morte di Domenico Carella, saranno videoproiettate le opere dell’artista nella sede della Società Artigiana a cura di Piero Marinò; alle ore 21.00, nel Giardino di  Palazzo Motolese  si terrà il concerto di violino di Didi Tartari.

Leggi anche:  Raro squalo elefante intrappolato a Torre Guaceto: salvato dai pescatori

Mostre: quella di pittura di Igli Arapi (sede della Società Operaia); la mostra  d’arte e laboratori di mosaico e pittura a cura della Associazione Aurarte (Chiostro delle Agostiniane); la rassegna di foto d’epoca su Martina Franca e la sua gente di Clementino Messia (Palazzo Martucci); il Giardino Palazzo Motolese con gli acquerelli del pittore Manì; la mostra floreale di Gianpaolo Tettei nella Casa a Corte Le Marangi; quella di abiti d’epoca della Famiglia Nicolella-Carucci (Palazzo Lopez); la galleria dipinta a tempera attribuita a Domenico Carella (Palazzo Carucci); la mostra di pittura di Adelina Casavola (Palazzo Magli); la rassegna d’arte del Liceo Artistico “Calò (Palazzo Lella);  la mostra dell’Autoproduzione “Manufacta”  di Arte Franca e della Associazione “Terra Terra” (Casa Cappellari – ex Ospedaletto); la mostra di Anita Sieff (Palazzo Delfini). Sarà possibile, inoltre visitare la Biblioteca della Basilica di San Martino, l’ Oratorio Arciconfraternita dei Nobili, e su prenotazione, il Belvedere del Convento Agostiniane.