Emendamento antidiscriminazione su olivicoltura

vittoria zizza 2
vittoria zizza 2

Emendamento antidiscriminazione su olivicoltura, Zizza al Ministro Martina: ‘Salvaguardiamo anche l’economia ed il territorio della Puglia’.

Tutelare gli operatori del settore olivicolo ed al contempo salvaguardare il territorio, questo l’obiettivo dell’emendamento presentato dal senatore Vittorio Zizza di Direzione Italia in merito alla normativa che rischia di discriminare i produttori del territorio pugliese.

I fanghi derivati dai processi della depurazione civile per l’uso in agricoltura sono una risorsa per l’intero settore agricolo, ma occorre aggiornare la normativa per evitare l’inquinamento del suolo e delle colture-dice Zizza- L’adeguamento della normativa del settore è una necessità espressa anche dai soggetti ascoltati nelle audizioni in Commissione Ambiente”.

Basta considerare che la Puglia trae gran parte della sua economia proprio dall’agricoltura ed in particolare dalla produzione olivicola per ritenere determinante questo emendamento. Il territorio pugliese che, in quest’ultimo anno, è già stato ferito dall’eradicazione di centinaia di ulivi a causa della Xylella.

E’ questa l’occasione per correggere anche la disciplina degli scarichi che, il passato Governo aveva modificato nel 2015, determinando un’incomprensibile disparità di trattamento tra frantoi. Aveva consentito infatti la possibilità di scarico delle acque di vegetazione in fognatura solo a quelli che trattano olive provenienti da aree scoscese o terrazzate. Così facendo – ha aggiunto Zizza – il Governo Renzi, nel tentativo di agevolare le produzioni olearie nostrane, ha seriamente danneggiato tante imprese produttrici di olio e i coltivatori italiani che operano su un territorio con una conformazione diversa da quella indicata”.

Con l’emendamento presentato oggi vogliamo estendere a tutte le imprese presenti sul nostro territorio la possibilità di scaricare le acque di vegetazione e le acque di lavaggio delle olive, in modo da superare le diversità di conformazione del territorio e ridare slancio non solo al settore della produzione dell’olio al cento per cento italiano, ma anche alle aziende agricole produttrici di olive. Noi di Direzione Italia – ha concluso Zizza – siamo certi che il Ministro Martina non si sottrarrà dal sostenere il nostro emendamenti che punta a sopprimere una norma che discrimina le imprese a seconda del territorio”.