WhatsApp Image 2017 11 22 at 10.09.46
WhatsApp Image 2017 11 22 at 10.09.46

E’ un programma che propone linee di azione innovative nei confronti delle famiglie cosiddette negligenti, articolando in modo coerente fra loro i diversi ambiti di azione coinvolti intorno ai bisogni dei bambini.

Ieri 21 novembre 2017 si è tenuto, presso l’ Ambito Territoriale n. 3 di Francavilla Fontana, l’incontro finalizzato alla costituzione del Gruppo Territoriale volto alla promozione, realizzazione e valutazione della Programmazione P.I.P.P.I., progetto promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con l’ Università di Padova. Il Gruppo Territoriale si riunirà sistematicamente per tutta la durata del programma. Tale cabina di regia è composta da tutti gli operatori dei diversi servizi (Comune, Asl, agenzie educative, Ussm, Tribunale Minori) che collaborano ai processi di presa in carico dei bambini e delle famiglie negligenti.

E’ un programma che propone linee di azione innovative nei confronti delle famiglie cosiddette negligenti, articolando in modo coerente fra loro i diversi ambiti di azione coinvolti intorno ai bisogni dei bambini che vivono in tali famiglie, tenendo in ampia considerazione la prospettiva dei genitori e dei bambini stessi nel costruire l’analisi e la risposta a questi bisogni.

Leggi anche  Auto contromano travolge moto: tragedia sfiorata sulla statale

L’obiettivo primario è dunque quello di aumentare la sicurezza dei bambini e migliorare la qualità del loro sviluppo, tutelando la relazione genitore-figlio.
All’incontro hanno partecipato il Presidente del Consorzio Ambito Br 3 Carmine Pasquale Brandi e il Direttore Generale Dr. Gianluca Budano, le Istituzioni scolastiche e il mondo del Terzo Settore impegnato nelle relazioni di affido e adozione, nonché i Rappresentanti dei Servizi Comunali e dei Servizi ASL, del Tribunale per i Minorenni di Lecce, dell’USSM di Lecce, competenti in materia di infanzia e adolescenza.

Si sono programmate le attività per l’avvio dei dispositivi del progetto: educativa domiciliare, gruppi genitori, gruppi bambini, laboratori a scuola, famiglie d’ appoggio, attività laboratoriali. L’incontro è stato coordinato dal Coach di progetto Dott.ssa Giovanna Denuzzo.