Pubblicità

Il festival Pietre che Cantano alza il livello della sfida e lancia la sua XXII edizione, che quest’anno si terrà dal 6 all’8 novembre mantenendo stabile il luogo delle performance: Cisternino (BR).

Pietre Che Cantano 2015 2Mai come quest’anno la manifestazione si sviluppa all’insegna della destagionalizzazione, scegliendo il mese di novembre per rendere la musica  dal vivo assoluta protagonista. Un impegno, dunque, che continua a portare buoni eventi musicali nell’affascinante borgo della cittadina pugliese – ormai indicato tra “i più belli della terra” – per un percorso in piena continuità con la storia del Festival. Sarà proprio nelle piazze di Cisternino che il sax di James Senese cederà il testimone al sax di Logan Richardson, per “collaudare” il consenso di un pubblico motivato nell’ambizioso progetto di far diventare il “fuori stagione” una momento musicale e creativo di eccellenza.

Il festival parte dunque il 6 novembre e ad esibirsi sul palco saranno alcuni fra i protagonisti dei più blasonati “live music club” di Parigi, Londra e New York. Un ritorno al futuro anche questo, che venerdì alle ore 21.30 mette in scena la bravissima Alice Ricciardi. Dopo essersi specializzata con Rachel Gould, aver studiato con il leggendario Ran Blake a Boston e aver pubblicato il suo primo lavoro Comes Love nel 2008 per la Blue Note/EMI,

la Ricciardi collabora con alcuni tra i più stimati musicisti italiani ed internazionali. I suoi live hanno raggiunto Umbria Jazz, Jazzhus Montmartre di Copenhagen, il Blue Note di Tokyo, il Cotton Club di Tokyo, il Jazz Cafè di London, HighLine BallRoom di New York, il Blue Note di Milano, l’Auditorium Parco Della Musica di Roma, ha di recente pubblicato il nuovo album Optics per la Inner Circle Music.

Doppio appuntamento per sabato 7 novembre, dove il Logan Richardson Quartet incrocerà il talento di Nicola Conte per un live d’eccezione in Piazza Vittorio Emanuele dalle 21.30. Logan Richardson, classe 1980, è tra i più innovativi giovani altosassofonisti, compositori e bandleader rivelatisi negli ultimi tempi sulla scena newyorkese. Originario di Kansas City (Missouri) e trasferitosi a New York nel 2001, è stato designato come “una ventata d’aria fresca per la futura scena musicale” statunitense e mondiale. Tante le sue collaborazioni con musicisti quali Nasheet Waits, Billy Hart e Joe Chambers, grazie anche alle quali ha rivelato una cifra stilistica tra le più originali e innovative ascoltate nell’ultimo decennio. Dalle 23.30 in Piazza Pellegrino Rossi partirà invece il dj-set di Nicola Conte, il producer, musicista e compositore che con la sua musica ha raggiunto i clamori del pubblico e della stampa mondiale.

Domenica 8 novembre Piazza Vittorio Emanuele raddoppierà la proposta artistica con due live, il primo all’insolito orario delle 12.00 del mattino. Protagonisti saranno i Big Brothers in Groove, la formazione che fa orbitare la propria musica intorno all’universo jazz, funk e hip hop, dove i riflessi black urbani spaziano dalla scuola del New Jersey alla scena sotterranea internazionale. Alla sera, dalle 21.30, sarà protagonista Carolina Bubbico, la giovane pianista, cantante, compositrice e musicista dalla formazione versatile. Vincitrice del Premio best instrumentalist nella sezione New Generation del Jazz Up Festival di Viterbo, autrice della colonna sonora del film L’amore è imperfetto di Francesca Muci, Carolina ha pubblicato nel 2013 il suo primo disco Controvento. È inoltre stata protagonista nei cartelloni di importanti festival nazionali come Locomotive Jazz Festival, Hydro Music Fest, Locus Festival e Ravello Festival.