Pubblicità

È accusato dei reati di detenzione sostanza stupefacente ai fini di spaccio, resistenza, violenza e minaccia a Pubblico Ufficiale e maltrattamenti di animali, il 44enne di Carovigno arrestato nel pomeriggio di ieri dai carabinieri della locale stazione.

Si tratta del noto Vittorio Lofino, nato a Ostuni, classe 1973, ma residente a Carovigno, censurato. Ieri i militari dell’Arma del posto sono andati in contrada Catanzani, dove il Lofino risiede, per effettuare un controllo, avuto sentore che potesse detenere droga. Ma il malfattore per evitare la perquisizione domiciliare aizzava quattro cani di sua proprietà, due di grossa taglia presenti nel giardino di pertinenza della casa, contro militari operanti.

I militari riuscivano a bloccare gli animali, ferendo lievemente uno dei due che stava per azzannare uno dei carabinieri, e effettuavano la perquisizione trovando nelle adiacenze della casa 3 gr. di hashish e un bilancino. Il cane lievemente ferito veniva fatto visitare da un veterinari che ha verificato che era sprovvisto delle vaccinazioni obbligatorie e di microchip. Il Lofino, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.