Carabinieri2
Carabinieri2

Il cittadino cegliese è stato trasportato presso l’ospedale di Brindisi per le cure del caso, dove permane in stato di arresto.

I carabinieri della stazione di Ceglie Messapica hanno tratto in arresto in flagranza di reato un cittadino cegliese, classe 1967, per tentato omicidio.

Nella serata del 21 aprile, il personale operante è intervenuto presso l’abitazione dell’uomo, in quanto era stata segnalata da alcuni vicini una violenta lite familiare in atto. Il predetto per futili motivi, ha reiteratamente accoltellato, mediante una forbice da sartoria, la propria consorte convivente. La stessa è riuscita a sottrarsi alla violenta aggressione fuggendo dall’abitazione e chiedendo ausilio ad alcuni vicini.

La donna è stata immediatamente trasportata presso l’ospedale Perrino di Brindisi ove è stata riscontrata affetta da varie lesioni giudicate guaribili con una prognosi di 40 giorni.

I carabinieri hanno individuato l’aggressore all’interno dell’abitazione, verificando che lo stesso aveva ingerito una copiosa dose di farmaci; anch’egli, quindi, è stato trasportato presso l’ospedale di Brindisi per le cure del caso, dove permane in stato di arresto.