Lite con sparatoria, arrestato il presunto autore. Si tratta di un cegliese 28enne

6C3845E5 3626 4145 8CB8 888126F94160
6C3845E5 3626 4145 8CB8 888126F94160

Lite con sparatoria, arrestato il presunto autore. Si tratta di un cegliese 28enne.

I carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni, diretta dal capitano Antonio Corvino, e i colleghi delle stazioni di Ceglie Messapica e San Michele Salentino, hanno lavorato per tutta la notte per trovare l’autore della sparatoria verificatasi nella serata di ieri, mercoledì 19 maggio, in una stazione di servizio sita sulla Ceglie-San Vito Dei Normanni, dove un uomo è rimasto ferito al volto e agli arti da alcuni colpi di arma da fuoco, dopo una violenta lite.

A sparare sarebbe stato M. A., 28enne di Ceglie: è stato arrestato all’alba di oggi con l’accusa di tentato omicidio e porto abusivo di arma da fuoco. E’ tornato a casa dopo aver passato la notte a nascondersi, ad attenderlo c’erano i carabinieri. L’arma utilizzata, una Beretta 7.65 con matricola abrasa, è stata recuperata.

La vittima è un 45enne di San Michele Salentino, M. B. I due si sono incontrati su appuntamento nell’area di servizio nella tarda serata di ieri per chiarire alcuni dissidi di natura privata. Nel giro di pochi minuti la discussione però è degenerata tanto che, da quanto ricostruito dai carabinieri, il 45enne ha sferrato alcuni pugni in faccia al 28enne che ha risposto estraendo una pistola e sparandogli contro. I proiettili hanno raggiunto il 45enne al volto, e a entrambe le cosce.

Leggi anche:  Agricoltura, Caroli: "Xylella e clima sfavorevoli alla campagna olivicolo olearia"

A. subito dopo i fatti si è allontanato a bordo della sua Golf di colore grigio facendo perdere le proprie tracce. La vittima, invece, ha tentato di allontanarsi a bordo della propria auto ma pochi metri dopo, proprio a causa delle lesioni riportate, ha perso il controllo del veicolo andando a sbattere contro il muretto di una rotatoria, in piazza Amendola. 

Soccorso da personale 118 è stato condotto prima all’ospedale Perrino di Brindisi e poi al Policlinico di Bari dove è stato sottoposto a intervento chirurgico per l’estrazione di frammenti di proiettile, non versa in pericolo di vita.