Martina città aperta: cittadinanza onoraria a 153 bambini nati da residenti stranieri

    bambini cittadinanza onoraria Martina
    bambini cittadinanza onoraria Martina

    Centodieci  bambini di origine albanese, trenta cinesi, tre marocchini, tre peruviani, tre indiani, un eritreo, un moldavo, un ghanese e un somalo per un totale di centocinquantatre bambini che da domenica sono “cittadini” di Martina Franca.

    In una seduta monotematica e aperta, il Consiglio Comunale ha conferito la cittadinanza onoraria a tutti i bambini nati a Martina Franca da genitori stranieri che risiedono in città. Presenti all’iniziativa il Console Generale albanese a Bari, Ermal Dredha, e i rappresentanti delle Autorità politiche e militari, delle Cooperative Sociali (tra l’altro la Cooperativa San Giuseppe dei Lavoratori gestisce, per conto del Comune, lo Sportello Immigrati diretto dall’assistente sociale Anna Solito), e delle Associazioni.

    Presente anche la Dirigente Scolastica, Roberta Leporati,  dell’I.C Chiarelli, scuola che ha la presenza più alta di stranieri extracomunitari a Martina.

    L’onorevole Cecilie Kyenge, parlamentare europeo e già Ministro per l’Integrazione, non ha potuto prendere parte all’iniziativa per impegni urgenti sopraggiunti ma ha inviato una lettera evidenziando che “in attesa che l’iter per una nuova legge sia completato, la cittadinanza onoraria rappresenta un segnale di rispetto, che riconosce ai giovani figli dell’immigrazione il loro posto all’interno della comunità. I Comuni, le istituzioni più vicine ai cittadini, attraverso questo atto colgono l’occasione per comunicare a questi giovani la vicinanza delle istituzioni”.

    Dopo gli interventi di diversi  Consiglieri comunali (Arianna Marseglia, Antonio Fumarola e Antonio Martucci), del Consigliere straniero aggiunto Arjan Nexha, e del Console Dredha, ha preso la parole il Sindaco Franco Ancona.  Egli ha ripercorso le iniziative di pace e solidarietà messe in campo, negli ultimi due anni, dall’Amministrazione Comunale: dalla firma per l’accordo di programma triennale con l’ Unicef provinciale, finalizzato alla promozione dell’iniziativa “Città amiche dei bambini”, all’elezione del Consigliere straniero aggiunto alla Delibera di Consiglio Comunale n. 67 del 25 giugno 2014 che ha dichiarato “Martina città della Pace e della solidarietà”.

    Leggi anche:  Visita del Questore di Taranto a Palazzo Ducale

    Il Sindaco ha poi aggiunto:  “Oggi segniamo una tappa storica per Martina Franca. Voglio che nei nostri cuori resti questa giornata come un momento alto della nostra città che dimostra la sua cultura profonda, quella di essere una città aperta, accogliente e che vuole fare dello scambio culturale fra le persone uno dei suoi punti di forza”.

    A seguito della lettura del deliberato, fortemente seguito dall’ex assessore ai Servizi Sociali, Donatella Infante, un gruppo di bambini ha intonato, in lingua albanese, canti popolari natalizi. Il primo cittadino, gli Assessori e i Consiglieri comunali hanno consegnato gli attestati ai bambini intervenuti: il primo a riceverlo è stato l’ultimo nato Flavio Dibra (19/11/2014).

    Prima del Consiglio comunale, il Sindaco Ancona, accompagnato dagli Assessori Antonio Scialpi e Giuseppe Cervellera, e dai Consiglieri Comunali Franco Demita e Vittorio Donnici, ha portato il saluto all’inaugurazione del Corso di Lingua e Storia Albanese, che si terrà presso la sede dell’Associazione Arcallegra, promosso dall’Associazione Arberia e dal suo presidente Enzo Kasapi.