Martina Franca: Approvato il 70° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Martina Franca Comune
    Martina Franca Comune

    Il Consiglio Comunale di Martina Franca ha approvato all’unanimità dei presenti un ordine del giorno relativo al 70° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

    Con questo atto il Consiglio si impegna ad intensificare i programmi di educazione e formazione formale e informale alla pace, ai diritti umani e alla cittadinanza inclusiva secondo quanto contenuto nella Carta europea sull’educazione alla cittadinanza democratica e sull’educazione ai diritti umani del Consiglio d’Europa (2010) e nelle Dichiarazioni delle Nazioni Unite rispettivamente sull’Educazione e la formazione ai diritti umani (2011) e sul Diritto alla pace (2016).

    L’Amministrazione comunale, inoltre, sarà impegnata a sostenere le iniziative che le Scuole della città organizzeranno il 10 dicembre 2018 proprio in occasione dell’anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite riunita a Parigi, al Palais de Chaillot, il 10 dicembre 1948.

    Leggi anche:  Protocollo per la valorizzazione Made in Italy

    “La Dichiarazione Universale è stata la madre del Diritto internazionale dei diritti umani – ha dichiarato l’assessore per le Attività Culturali, Antonio Scialpi -. Dall’articolo 1 della Dichiarazione discende un’alta lezione morale e politica che sottolinea che tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni nei confronti degli altri in spirito di fratellanza. In un momento storico come questo, centrato sul profitto e la speculazione e spesso restiamo estranei ai dettami della giustizia sociale. Dobbiamo tutti essere impegnati a promuovere, con l’insegnamento e l’educazione, il rispetto di
    questi diritti e di queste libertà e di garantirne, mediante misure progressive di carattere
    nazionale e internazionale, l’universale ed effettivo riconoscimento”.