Erano in trasferta e volevano mettere a segno il colpo che gli avrebbe consentito di “festeggiare” il giorno dell’Immacolata. Purtroppo gli è andata male. Erano da poco passate le 20.00 quando Giovanni Pellicano e Pietro Celotto, entrambi 23enni residenti a Bari nel quartiere San Paolo, con precedenti per reati contro il patrimonio, sono stati “colti con le mani nel sacco” dai militari della Stazione Carabinieri di Cisternino in un appartamento di via Fasano.

Un cittadino, notando qualcosa di strano nei pressi dell’appartamento in questione, ha immediatamente telefonato al locale presidio dell’Arma. Il militare di servizio alla caserma ha quindi prontamente contattato la pattuglia in circuito che si è precipitata all’indirizzo indicato. Nel frattempo, il Comandante della Stazione e lo stesso militare di servizio alla caserma sono saliti a bordo di un altro veicolo per andare a dar manforte ai colleghi. Per i due “trasfertisti” baresi non c’è stato nulla da fare. Sono stati arrestati e, successivamente, tradotti al carcere di Brindisi.

I Carabinieri hanno rinvenuto un borsone già pieno di refurtiva, argenteria ed altri oggetti di valore presenti in casa. Il tutto è stato restituito al legittimo proprietario, che si trovava fuori casa. Sono stati altresì sequestrati passamontagna, guanti, cacciaviti e una torcia elettrica.

Per il buon esito dell’operazione è stata determinante la collaborazione della persona che ha allertato i Carabinieri. In proposito, l’Arma esorta tutti i cittadini a prestare la propria preziosa collaborazione.

Insieme si possono ottenere risultati estremamente positivi!