Pubblicità

Di Seguito la nota stampa dell’ Avv. Guglielmo Boccia sul potenziamento della mobilità urbana.

Più di una volta mi sono esposto sul nuovo BuSmart che da mesi circola per Martina Franca. Nonostante i presupposti lodevoli e ambiziosi, è evidente che si tratti di un progetto fallace che non ha centrato gli obiettivi per i quali è stato sviluppato. Ne è prova evidente il fatto che nel suo andirivieni fra i nodi centrali della città sia sempre completamente vuoto.

La nuova linea di trasporto pubblico collega zone molto vicine fra loro e risulta quindi poco efficace per cambiare le abitudini dei cittadini che si spostano già a piedi o sono comunque costretti a utilizzare la macchina per esigenze personali.

Diventa dunque necessario rendere concretamente utile questo servizio e per far sì che ciò avvenga si potrebbe partire proprio dalle scuole. Nell’epoca della mobilità smart e sostenibile è giunto il momento di rendere tutto anche più “intelligente”. Per le visite guidate organizzate dalle scuole, i genitori degli alunni sono costretti a pagare anche il costo del trasporto con lo scuolabus: costi che si potrebbero ridurre e rendere più utili con l’utilizzo del BuSmart, mettendolo al servizio di momenti didattici e formativi, educando i ragazzi a una nuova cultura della mobilità urbana, sensibilizzandoli ai benefici derivanti in termini di ambiente, inquinamento ed economia.

Il futuro si scrive partendo dal nostro “domani”, solo così si potrà ambire al vero cambiamento.