Cento specialisti a Ceglie Messapica, 9-10 ottobre 2015 per la XXII Riunione annuale della Società italiana di reumatologia

Identificare e diagnosticare le malattie reumatiche all’esordio, per garantire una vita normale anche grazie all’utilizzo tempestivo di farmaci innovativi, prodotti con tecniche di biotecnologia. Mettere in gioco know how, scienza e umanità, quella che permette di prendersi cura delle persone senza relegarle nel cliché disumanizzante del paziente. Insomma, una rivoluzione che batte sul tempo la malattia. In anticipo, appunto. Di questo e di molto altro si parlerà, il 9 e il 10 ottobre, presso il castello ducale di Ceglie Messapica, nel corso della XXII riunione annuale della Sir – Società italiana di reumatologia, sezione Puglia.

Nel corso della due giorni, oltre cento specialisti di fama nazionale e internazionale contribuiranno alla discussione, scandagliando i temi oggetto della reunion sotto ogni angolazione possibile. Il tavolo dei relatori ospiterà, fra gli altri, Ignazio Olivieri, presidente nazionale della Società italiana di reumatologia; Giovanni Lapadula, presidente della Sir sezione Puglia, professore di Reumatologia all’Università degli Studi di Bari, a capo della divisione di Reumatologia del Policlinico; il presidente onorario Michele Covelli; Antonella Celano, presidente dell’Apmar onlus, l’Associazione persone con malattie reumatiche; Carmelo Zuccaro, organizzatore e membro della segreteria scientifica della Sir e specialisti provenienti da tutt’Italia oltre che da tutta la regione Puglia.

La partecipazione alla due giorni consentirà ai partecipanti la possibilità di acquisire i crediti formativi Ecm (Educazione continua in medicina) poiché l’evento è accreditato per la formazione continua. Nella giornata di venerdì, inoltre, è previsto un corso accreditato per infermieri e terapisti della riabilitazione.

«Abbiamo giocato con le parole – dichiara Zuccaro – avvitando intorno alla parola trends (tendenze) l’obiettivo di questa ventiduesima riunione della Sir pugliese: malattie reumatiche, prevenire evitando dannose attese, ossia anticipare una rivoluzione nel settore, senza trascurare la cura della persona prima ancora del paziente”.

Mission, promuovere l’approfondimento tra specialisti su argomenti di primissimo piano sulla base delle attuali evidenze scientifiche, con l’esigenza di collocare le realtà locali all’interno dell’unico quadro di riferimento nazionale e internazionale.

Per evitare la disabilità o le complicanze sistemiche frutto di dannose attese diagnostiche o terapeutiche, saranno focalizzati i trend su vari argomenti di interesse pratico con l’ambizioso obiettivo della prevenzione e del migliore approccio possibile alle malattie reumatiche croniche. Una delle fondamentali sfide per i reumatologi, infatti, è quella di vedere e diagnosticare precocemente la persona all’esordio della patologia per garantire, quanto prima, il trattamento ottimale.

I lavori cominceranno alle 12 del 9 ottobre, presso il palazzo ducale di Ceglie Messapica, e proseguiranno fino alle 19.30, con l’assemblea dei soci Sir Puglia. Il 10 ottobre, invece, sempre nelle sale del palazzo ducale di Ceglie Messapica, si comincerà alle 8.15 per concludere con l’ultimo contributo, il cui inizio è previsto per le 11.15.

Per il programma dettagliato della riunione visitare il sito della segreteria organizzativa e provider Ecm http://www.cicsud.it/Congresso.aspx?ID=1073 oppure la pagina Facebook: XXII Riunione Annuale Società di Reumatologia Sezione Puglia https://www.facebook.com/events/681784665287960/

 

 

 

POTRESTI ESSERTI PERSO: