Venerdì 18 marzo, alle ore 19, nella Sala Convegni della Med Cooking School, appuntamento con la salute e la prevenzione nell’incontro “Il cuore delle donne”. A relazionare Giovanna Rodio, di Ceglie Messapica, Cardiochirurgo presso l’Ospedale SS. Annunziata di Taranto. La Dottoressa Rodio parlerà dei rischi e dell’individuazione precoce dei sintomi relativi alle malattie cardiovascolari soprattutto in gravidanza e in menopausa.

Le tematiche.

Il cuore in gravidanza.

Durante la gravidanza l’apparato cardiovascolare delle donne si modifica: si sviluppa ex novo la circolazione placentare per cui il cuore materno aumenta la quantità di sangue che deve pompare ogni minuto nel circolo. Ci sarà, quindi, un maggior lavoro da parte del cuore che una donna sana sopporta senza problemi mentre una donna con cardiopatia non sarà in grado di reggere, andando  incontro ad uno scompenso cardiaco. Durante la gravidanza nella donna sana la pressione arteriosa generalmente si riduce, soprattutto nei primi mesi, per poi risalire nelle ultime settimane prima del parto. Durante la gravidanza, inoltre, si ha una ritenzione di liquidi che in alcuni casi può comportare la presenza di “piedi gonfi” che spariscono dopo il parto. Controllo specifici sono necessari per poter concludere in modo felice la gravidanza.

Cuore in menopausa.

La menopausa, periodo che accompagna la donna per circa un terzo della sua vita, si caratterizza da un lato per il venir meno della quantità di estrogeni e del progesterone prodotti dall’ovaio e dall’altro per la comparsa, insieme ai ben noti effetti neurovegetativi (vampate di calore, sudorazioni, palpitazioni, modificazione dell’umore), di due conseguenze importanti, quali l’osteoporosi e l’aumento delle malattie cardiovascolari. Somministrare farmaci a base di estrogeni e progestinici, in sostituzione degli ormoni prodotti in età fertile dall’ovaio, può proteggere la donna dall’osteoporosi e dalle malattie cardiovascolari? Se sì, a quali effetti collaterali possiamo andare incontro? La Dott.ssa Giovanna Rodio approfondirà queste tematiche per tenere vivo l’interesse sulla salute femminile.

Giovanna Rodio, 41 anni, moglie e mamma, dopo la Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l’ Università degli Studi di Bari con specializzazione in Cardiologia, ha partecipato a numerosi Corsi di aggiornamento e Congressi della Società Italiana di Cardiologia tenutesi in Italia, anche come relatrice, e dato il suo fattivo  contributo su Riviste Scientifiche nazionali ed internazionali. Dopo aver lavorato per alcuni mesi presso il reparto di Cardiologia dell’Ospedale Perrino di Brindisi, ad agosto 2005 viene assunta presso il reparto di Cardiologia dell’Ospedale Umberto I di Altamura (BA), dove si è occupata di Cardiostimolazione e studi elettrofisiologici transesofagei, lettura Holter cardiaci e pressori, ecocardiogramma (eseguiti sino al 2013 circa 400 impianti tra pacemaker, ICD e biventricolari). Dal luglio 2013 è nell’equipe del reparto di Cardiologia dell’ Ospedale SS Annunziata di Taranto.

La Rassegna “L’OTTO MARZO” è promossa dall’Associazione di Promozione Sociale “Gioia”, con il Patrocinio del Comune di Ceglie Messapica, in collaborazione con le attività commerciali e le associazioni locali.