Canile abusivo nelle campagne: sequestrati quattro box, proprietario denunciato

Nelle campagne cegliesi, lungo la direttrice per Francavilla Fontana, i carabinieri forestali del comando stazione di Ceglie Messapica hanno apposto i sigilli ad una struttura adibita a canile privato

Nelle campagne cegliesi, lungo la direttrice per Francavilla Fontana, i carabinieri forestali del comando stazione di Ceglie Messapica hanno apposto i sigilli ad una struttura adibita a canile privato, ad uso familiare, costituita da 4 box per il ricovero di 6 animali, di varie dimensioni, realizzata con calcestruzzo cementizio per la pavimentazione, e mattoni di cemento ovvero conci di tufo per i muri perimetrali, il tutto ricoperto da lamiere di “ondulina”.

Per il canile, costruito in area sottoposta a vincolo paesaggistico dal Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, in applicazione del Decreto Legislativo n. 42 del 2004 (“Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio”, noto anche come “Codice Urbani”), non vi era stato richiesto e rilasciato alcun titolo abilitativo edificatorio, né tantomeno di autorizzazione in presenza della tutela del paesaggio.

Ad evitare, dunque, che la struttura abusiva potesse essere ancora utilizzata, i carabinieri forestali hanno eseguito il sequestro penale preventivo dei 4 box; al contempo hanno redatto un’ informativa di reato, per violazione dello stesso “Codice Urbani” e del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, “Testo Unico dell’ Edilizia e dell’ Urbanistica”.

Il proprietario, G.A. di anni 51, di Ceglie Messapica, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Brindisi; lo stesso è stato anche nominato custode giudiziario del canile, responsabile quindi del bene sequestrato, della sua integrità e del rispetto del divieto di utilizzo.

 

Guarda Anche
Scelti Per Te