Una serie di difficoltà, dovute alle inasprite norme in materia di sicurezza e ordine pubblico, hanno dissuaso i consueti allestitori dal dare vita a qualunque sfilata di carri allegorici, né ha avuto luogo, a causa della presunta neve, la manifestazione “Cisternino Street Carnival”, rinviata a fine marzo e che di carnevalesco avrà ben poco.

Ci sorprende e ci rattrista apprendere che, a differenza dei comuni limitrofi (persino la frazione di Montalbano Di Fasano!), i quali, seppur come noi senza una vera e propria tradizione, hanno dato vita a lodevoli iniziative, la nostra cittadina si privi anche di questa festosa occasione, che avrebbe certamente rallegrato grandi e piccini.

Tuttavia, a donare dei toni carnascialeschi all’intera vicenda ha provveduto il Sindaco Luca Convertini, il quale, tra una leziosa esibizione di conoscenza della lingua latina e l’abituale dimostrazione di arroganza, ha pensato bene di estrarre dal cilindro la consueta dose di benaltrismo, nascondendosi dietro il dito delle risorse limitate, del successo delle manifestazioni organizzate nel recente passato e della scusa, buona per tutte le stagioni, dei problemi più importanti cui pensare, ai quali, ovviamente, né lui né la sua maggioranza, in realtà, paiono pensare troppo.

La colpa di tutto ciò? Ascritta ovviamente a qualcun altro, stavolta ai privati che non hanno presentato progetti in merito.

Il risultato? Regalare un discreto flusso turistico invernale ai suddetti comuni vicini.

Forse lo spiegherà lui ai nostri bambini che Cisternino, quest’anno, non avrà un carnevale. E, magari, lo farà in latino.

Nil est dictu facilius, Signor Sindaco.

Coordinamento Cittadino Opportunità Civica Cisternino

POTRESTI ESSERTI PERSO: