I dipendenti del Comune di Cisternino non percepiscono la retribuzione accessoria che costituisce parte della retribuzione prevista dal Contratto nazionale del lavoro, a titolo di incentivo alla produttività dei dipendenti.

Per questo motivo le organizzazioni sindacali hanno proclamato lo stato di agitazione del personale. A renderlo noto la segreteria territoriale Fp della Cgil Brindisi in una nota inviata agli organi di informazione.

Le organizzazioni sindacali, annunciano, inoltre, di aver informato anche la Prefettura. “Ciò nonostante ad oggi il personale non ha percepito le spettanze accessorie per l’anno 2016 nonostante da più di un anno sia intervenuto l’accordo con le organizzazioni sindacali. Stessa cosa dicasi per il salario accessorio 2018 e 2019 per cui, nonostante le continue sollecitazioni formali dei sindacati, questi ultimi non sono mai stati convocati per la prevista ripartizione”.

“Mentre per il contratto decentrato integrativo, previsto dal Contratto nazionale del lavoro 2016/2018 come obbligo perentorio per l’applicazione degli istituti contrattuali, si registra un colpevole ritardo dell’amministrazione nonostante i sindacati abbiano da più di un anno trasmesso la bozza di proposta di decentrato”.

“Ciò si traduce, di fatto, in sostanziali penalizzazioni economiche e professionali per i dipendenti che si vedono negati istituti contrattuali introdotti dal nuovo Ccnl nonché la possibilità di progredire professionalmente a differenza dei loro di colleghi che prestano servizio in altri Comuni della Provincia”.

E’ stata data più volte la possibilità all’Ac e a parte pubblica di recuperare i gravi ritardi accumulati negli ultimi anni ma i tentativi sono stati vani. Pertanto non resta che adire le vie legali per il riconoscimento dei diritti contrattuali dei dipendenti del Comune di Cisternino”.

POTRESTI ESSERTI PERSO: