Rivedi la diretta di Lunedì 28 marzo 2016 da Largo Machiavelli

E’ ogni volta uno spettacolo misto di folclore e devozione religiosa la tradizionale “battitura della Nzegna” a Carovigno, gioioso rito che si rinnova nel lunedì e martedì di Pasqua durante la processione dedicata a Maria SS. Di Belvedere, protettrice della città.

E anche quest’anno l’unicità della tradizione carovignese ha richiamato a sé un gremito seguito di cittadini. La variopinta bandiera volteggia in aria con sapienti movimenti a suon di piffero, tamburo, cembalo e grancassa, tenendo tutti col naso all’insù a guardare le sue piroette nel cielo.

Da tempo i battitori della Nzegna sono gli appartenenti alla famiglia Carlucci. Ma non si può fare a meno di accennare al ruolo fondamentale del Gruppo Sbandieratori, fondato da Michele Cretì nel 1966 e definito successivamente “Ente Culturale Nzegna”. L’intero ensemble è composto sbandieratori, porta-bandiere, musicisti, danzatori e cantanti che danno ritmo con il battere del tamburo e con le chiarine, una sorta di trombe d’ottone dal suono squillante. Tutti indossano vestito e ornamenti tipici.

Quest’anno in accordo con l’amministrazione comunale di Carovigno e grazie alla preziosa collaborazione con il Bar Mezza Luna e l’IperSimply di Carovigno, la nostra testata giornalistica, seguirà in dirette l’evento della battitura della NZEGNA.

Rivedi la battitura della Nzegna da Largo Machiavelli del 28 Marzo 2016.