I Riti della Settimana Santa da vivere nei comuni della Valle D’Itria e non solo

Tutto pronto anche quest’anno per i Riti della Settimana Santa che accompagnano i fedeli alla Santa Pasqua. Questa sera giovedì santo come di consueto nelle parrocchie dei nostri comuni si svolgerà la Messa in Cena Domini e la Lavanda dei Piedi si ricorda l’Ultima Cena del Signore con i suoi discepoli, consumata prima della sua passione nella quale consegnò ai discepoli il Comandamento dell’amore (“Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”, Gv 13,34), dopo aver lavato loro i piedi. Inizio delle funzioni religiose nelle parrocchie di Ostuni alle ore 19.00.

Già nella prima serata del Giovedì Santo, dopo la Messa in Coena Domini, è tempo della tradizionale visita ai Sepolcri, ossia degli altari della reposizione, allestiti, nelle chiese, per conservare, con la dovuta solennità, la Santissima Eucaristia che sarà consumata dai fedeli il Venerdì Santo, giorno in cui la Chiesa, per antichissima tradizione, non celebra la Messa. Ma quali sono le origini della visita ai Sepolcri? Secondo alcuni si tratterebbe di una pratica d’allestimento affermatasi in Europa già a partire dall’Età carolingia mentre un’antica usanza non certificata dalla dottrina vorrebbe che venissero visitate dalle 5 (quante sono le piaghe di Cristo) alle sette Chiese (quanti sono i dolori della Madonna).

Nel giorno del venerdì santo, si svolgerà per le vie cittadine la tradizionale processione della via crucis con le statue costudite dalle diverse confraternite.
Il sabato santo è il giorno liturgico in cui il culto cristiano celebra il Signore Gesù Cristo nel mistero della sua discesa agli inferi, le celebrazioni si svolgeranno alle 23.00, la domenica di Pasqua celebra la risurrezione di Gesù avvenuta, secondo le confessioni cristiane, nel terzo giorno dalla sua morte in croce, come narrato nei Vangeli, le celebrazioni si svolgeranno nelle parrocchie della Città Bianca alla stessa ora della messa domenicale.

POTRESTI ESSERTI PERSO: