Nell’ambito dei potenziati servizi di vigilanza operati negli spazi doganali del Varco di Costa Morena e degli altri punti di approdo delle navi, i finanzieri della locale Compagnia della Guardia di Finanza, unitamente ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato, per contrabbando di tabacchi lavorati esteri un cittadino di origine albanese K.Z. di 45 anni.

In particolare, nella tarda serata di lunedì scorso, durante un accurato controllo doganale effettuato nei confronti di un autobus di linea proveniente dall’Albania e diretto in Sicilia, gli operanti hanno rinvenuto 1.000 pacchetti di sigarette di contrabbando (pari a 20 chilogrammi) privi del contrassegno di Stato, destinati presumibilmente al mercato italiano e riportanti i noti marchi “Merit” e “Winston”.

I tabacchi lavorati esteri erano stati abilmente occultati all’interno del vano motore del pullman ed il responsabile, uno dei due autisti, è stato pertanto tratto in arresto per contrabbando di sigarette in violazione dell’articolo 291-bis del Testo Unico Leggi Doganali n. 43 del 1973 e condotto presso la casa circondariale di Brindisi a disposizione della locale Autorità Giudiziaria.

Questo risultato operativo conferma l’elevato livello di attenzione investigativa a contrasto delle nuove strategie operate dalla criminalità che, come in questo caso, ha utilizzato per fini illeciti un mezzo ritenuto insospettabile al fine di eludere i controlli doganali.