Assegnato il riconoscimento al “Laudato medico” in ricordo di Umberto Veronesi: “Ascolto e vicinanza alle donne”

“Quando diventerò grande, farò l’avvocato”. Palma Fedele non ha mai indossato la toga che sognava da bambina: è medico oncologo della Breast unit dell’ospedale Antonio Perrino di Brindisi, tra i migliori specialisti italiani per empatia. E’ stata premiata a Milano con il riconoscimento al “Laudato medico”, in ricordo di Umberto Veronesi, sulla base delle “votazioni” arrivate direttamente dalle pazienti.“

La cerimonia di consegna del riconoscimento, organizzato da “Europa Donna”, si è svolta ieri a Milano. Le donne che nell’ultimo anno sono diventate pazienti della Breast Unit del Perrino hanno segnalato il nominativo dell’oncologa, sottolineando la “sensibilità, l’accoglienza, l’ascolto, la comunicazione e la vicinanza al paziente” in ogni momento del percorso per la cura del tumore al seno. Palma Fedele è una delle due pugliesi alle quali è stato conferito il riconoscimento, arrivato alla terza edizione, per promuovere l’umanizzazione della medicina praticata e insegnata da Umberto Veronesi.

L’altra donna pugliese premiata è Emanuela Garasto, della Breast Unit dell’ospedale San Paolo di Bari per la categoria dei radiologi. Il riconoscimento è stato assegnato anche a Giuseppe Di Martino, della Breast Unit dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Caltanissetta per la categoria dei chirurghi, e Simona Cristallini, della Breast Unit dell’Ospedale di Lucca, per la categoria dei radioterapisti.

L’evento, introdotto dall’attrice Carla Signoris, ha visto la partecipazione del professor Rodolfo Passalacqua, responsabile scientifico del progetto di umanizzazione delle cure oncologiche “HuCare”.

“Ringrazio tutte le pazienti che hanno fatto il nome”, dice subito Palma Fedele, già rientrata a Brindisi per riprendere il lavoro in reparto. “Nel rapporto con le donne pazienti c’è sempre qualcosa da imparare: è una continua crescita sul piano umano e professionale”, prosegue. “E’ l’insegnamento straordinario lasciato da Umberto Veronesi che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente nel periodo in cui ho svolto il master in senologia presso l’Istituto europeo di senologia a Milano. E’ stato un medico con la m maiuscola, un uomo di alta statura morale”.“

Il master è arrivato dopo la laurea a pieni voti conseguita all’università Cattolica di Roma, una volta terminato il liceo Tito Livio di Martina Franca. “Ho vissuto a Martina sino a 18 anni: la porto nel cuore”, dice Palma Fedele, diventata brindisina d’adozione per ragioni professionali. Quando andava al liceo pensava di iscriversi a Giurisprudenza: “Volevo fare l’avvocato”, racconta. “Poi ho superato i test di ammissione alla facoltà di Medicina ed è cambiato tutto”. Da lì non si è più fermata. La medicina è la sua vita. E’ al Perrino dal 2004. Di strada ne fa fatta tanta, si è sposata con un medico. “Forse era destino”, sorride. Ed è diventata mamma: “Ho un figlio di undici anni e un altro di sette”. Riuscire a far incastrare tutte le tessere del puzzle della sua vita non è certamente facile, ma quando c’è la passione tutto diventa più semplice.

La Breast Unit dell’Ospedale Perrino di Brindisi è una Unità multidisciplinare e multidipartimentale specializzata nella cura del tumore della mammella, che coinvolge le Unità Operative di Oncologia Medica, Anatomia Patologica, Radioterapia, Diagnostica senologica, Chirurgia senologica, Chirurgia riparativa mammaria, Medicina nucleare e Psicologia clinica. Il personale medico delle Unità Operative coinvolte analizza collegialmente il singolo caso per decidere il percorso terapeutico più adatto.

“E’ fondamentale la condivisione dei percorsi di cura con le donne”, sottolinea. “L’empatia fa la differenza: il paziente deve essere accolto e deve sentire ogni giorno, passo dopo passo, la vicinanza del medico”. Lo fa ogni giorno l’oncologa. Alla sua porta bussano le sue pazienti. Le accoglie con un sorriso e una stretta di mano. Inizia un’altra giornata alla Breast Unit dell’ospedale Perrino.

POTRESTI ESSERTI PERSO: