Il presidente degli Psicologi pugliesi assicura che al termine delle elezioni saranno segnalati alle autorità competenti tutti i tentativi di screditare l’Ordine e l’intera professione

“Respingo con forza e sdegno le accuse che vengono rivolte all’Ordine degli Psicologi della Puglia dalla lista Altra Psicologia. Da giorni stanno screditando me, l’Ordine e, con esso, l’intera professione, lasciando immaginare losche trame dietro il voto degli psicologi per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine. Come si dice, quando la volpe non arriva all’uva dice che è acerba. Ho voluto evitare risposte nell’interesse della categoria, ma il comunicato diffuso oggi supera ogni limite. Non accetto lezioni da chicchessia.

Volevano fossero ammesse al voto schede fotocopiate, contro ogni previsione di legge. Noi stiamo invece garantendo legalità e trasparenza. E siamo pronti a risponderne in ogni sede, non temiamo nulla. Ai colleghi di Altra Psicologia voglio solo ricordare che la campagna elettorale è terminata. E voglio aggiungere che non c’era bisogno di screditare la nostra professione, per valorizzare la quale ci spendiamo da anni. Ci sono le autorità competenti, sarebbe bastato rivolgersi ad esse. Ma siccome evidentemente i controlli finora hanno verificato le corrette procedure, risultava comodo alzare un polverone mediatico. Peccato, hanno perso una buona occasione di dimostrare di essere dalla parte degli psicologi”.

 

POTRESTI ESSERTI PERSO: