Durerà ancora almeno 36-40 ore la tempesta che ha toccato le regioni meridionali italiane e anche il Brindisino.

Se per giovedì 6 febbraio a Napoli le scuole saranno chiuse per condizioni meteo avverse, il servizio di Protezione civile della Regione Puglia ha prolungato fino alle 24 di giovedì l’allerta meteo arancione per vento – che spirerà sempre dai quadranti settentrionali – dichiarata nella serata del 4 febbraio. A Brindisi il Comune ha deciso l’estensione della chiusura dei cimiteri del capoluogo e della frazione di Tuturano anche alla giornata di domani.

Intanto, come nelle previsioni, le forti raffiche di vento che dalla serata di ieri (martedì 4 febbraio) sferzano la regione, stanno costringendo i vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi a una lunga serie di interventi. Fin dalle prime luci del giorno si susseguono le segnalazioni di rami pericolanti o spezzati, segnali stradali abbattuti, cartelli stradali piegati. 

Uno degli interventi più critici è stato effettuato sulla stradale statale 379 che collega Brindisi a Bari, nel tratto compreso fra i due svincoli per Apani. Qui una squadra di pompieri partita dalla caserma di via Nicola Brandi, con l’ausilio di un’autogru, ha messo in sicurezza una lamiera di circa 10 metri staccatasi da un rudere abbandonato situato a ridosso della complanare nord.

Il fabbricato si era incastrato su un cavo Telecom che faceva da vela. Per questo la Polizia Stradale e il personale dell’Anas hanno dovuto chiudere la superstrada in entrambe le direzioni, deviando il traffico verso le complanari. In tarda mattinata è stata riaperta la carreggiata sud per Lecce, mentre la carreggiata nord è stata riaperta nel primo pomeriggio a intervento ultimato.

L’allerta meteo arancione diramata ieri sera dalla Protezione civile Puglia prevedeva raffiche fino a un’intensità di 70 chilometri orari fino alla tarda serata odierna. Sul litorale si stanno abbattendo mareggiate di notevole intensità. Come dimostrato dalla foto in alto, alte onde si infrangono con violenza sulla scogliera, in località Torre Testa.

Ma nonostante le avverse condizioni meteo, nel porto di Brindisi, da quanto appreso dalla Capitaneria, non si stanno registrando particolari disagi nelle operazioni di ormeggio (nella foto sopra, un traghetto uscita dal porto nella tarda mattinata), mentre a Bari, a causa delle raffiche che in mattinata hanno superato i 50 nodi, sono rimasti bloccati al largo tre traghetti con un totale di 524 passeggeri e oltre duecento persone di equipaggio, oltre a due navi cargo.

In serata i vigil del fuoco sono intervenuti nella villa comunale di San Vito dei normanni per un albero pericolante e alla Selva di Fasano per un albero caduto sui cavi dell’alta tensione. 

POTRESTI ESSERTI PERSO: