Sarà vietata nei lidi la somministrazione di cibo e bevande in ‘materiale monouso non compostabile. La decisione annunciata in un incontro con le associazioni ambientaliste e i balneari.

Dall’estate 2019 sarà vietata nei lidi pugliesi la somministrazione di cibo e bevande in materiale monouso non compostabile. È quanto stabilirà una ordinanza della Regione Puglia che prevede l’obbligo di rinuncia alla plastica. La decisione in un incontro tenuto in Regione tra i funzionari del settore Demanio, i rappresentanti delle associazioni ambientaliste e quelli dei sindacati dei balneari.

“È una vittoria su tutti i fronti per la rinuncia alla plastica monouso nei lidi di Puglia”, ha detto Fabrizio Santorsola, presidente Cna Balneatori, sottolineando che “la possibilità di riciclare in maniera sostenibile per l’ambiente, per ridurre l’inquinamento dei nostri mari, è diventata obbligatoria già da quest’anno”. In Puglia tutti gli stabilimenti balneari dovranno rinunciare alla plastica monouso in favore di materiale compostabile e quindi ecocompatibile.

“Questa proposta, partita in sordina qualche mese fa – ha aggiunto Santorsola – è stata favorevolmente accolta dall’assessorato regionale che con grande anticipo rispetto al resto d’Italia l’ha fatta sua. È un obbligo che abbiamo noi concessionari balneari – ha concluso – ma lo stesso obbligo vale per le spiagge libere dove sarà impossibile utilizzare per chiunque materiale plastico non riciclabile”.