Il Bari International Film Festival, in programma dal 27 aprile al 4 maggio: circa 150 proiezioni, sei lezioni di cinema, incontri con attori e registi, laboratori, mostre fotografiche e anteprime mondiali

Quattro premi Oscar saliranno sul palco del Teatro Petruzzelli di Bari per la serata inaugurale della decima edizione del Bif&st, il Bari International Film Festival, in programma dal 27 aprile al 4 maggio. L’occasione sarà la consegna a Ennio Morricone, “il più grande compositore vivente di musiche da film”, al quale è dedicata la retrospettiva di questa edizione (con 42 film da lui musicati) del premio “Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence”. Con Morricone ci saranno gli altri Oscar Nicola Piovani, Gianni Quaranta e Giuseppe Tornatore.

Il Bif&st 2019, diretto da Felice Laudadio e presieduto da Margarethe von Trotta, porterà ancora una volta a Bari decine di protagonisti del mondo del cinema nazionale e internazionale, circa 150 proiezioni, sei lezioni di cinema, incontri con attori e registi, laboratori, mostre fotografiche e anteprime mondiali.

“È come una matrioska” ha detto il direttore Laudadio, con “all’interno della bambola principale, altre piccole bambole”, dalle sezioni dedicate alla scienza e alla medicina, alla rassegna su intolleranza e violenza, su tortura e legal thriller. Il festival, sotto l’alto patronato del presidente della Repubblica, si svolgerà nel Teatro Petruzzelli, nel Multicinema Galleria e nell’appena restaurato Teatro Margherita. È promosso dalla Regione Puglia con la collaborazione del Comune di Bari e prodotto dalla Fondazione Apulia Film Commission.

Sette le anteprime italiane assolute ospitate ogni sera nel Petruzzelli, tra le quali le anteprime mondiali “Non sono un assassino” di Andrea Zaccariello, “Il grande spirito” di Sergio Rubini e “Passeggeri notturni” di Riccardo Grandi.

A Morricone, la mattina del 27 aprile, saranno consegnate anche le chiavi della città di Bari e, oltre alla retrospettiva con la proiezione di 42 tra gli oltre 520 titoli della sua filmografia, gli saranno dedicate una mostra fotografica nel colonnato del palazzo della Città Metropolitana e una serie di otto incontri con alcuni registi dei film da lui musicati. Sono attesi Giuliano Montaldo, Roberto Faenza, Dario Argento, Ricky Tognazzi, Simona Izzo e Marco Bellocchio.

Nella serata inaugurale sarà proiettato, inoltre, nel teatro Petruzzelli il film muto “Napoli che canta”, realizzato nel 1926 da Roberto Roberti, padre di Sergio Leone, accompagnato dall’esecuzione dal vivo di canzoni e musiche della tradizione napoletana ad opera di Lina Sastri. Il 4 maggio, serata finale, sarà presentata in anteprima mondiale la pellicola restaurata di “Polvere di Stelle” di Alberto Sordi, girata in parte proprio a Bari.

Le lezioni di cinema, ogni mattina nel teatro Petruzzelli, saranno tenute da Roberto Andò, Paola Cortellesi, Paolo Del Brocco, Valeria Golino, Roberto Herlitzka e Valerio Mastandrea.

Il festival renderà omaggio, inoltre, a due grandi figure del cinema internazionale scomparse negli ultimi mesi: Bruno Ganz e Bernardí Bertolucci. Una novità assoluta sarà la Blumhouse retrospettive, una retrospettiva dedicata alla celebre casa di produzione fondata da Jason Blum, con la proiezione di sette film

 

Fonte: Repubblica.it

POTRESTI ESSERTI PERSO: