Xylella, Amati: “Finalmente in cattedra vanno gli scienziati e a casa i creduloni. Ma abbiamo sofferto”.

“Plaudo alla nomina di un comitato Xylella composto da personalità accordate con la prova scientifica. Mi ricordo quando eravamo non più di “quattro gatti” impegnati in questa missione con quotidiane sofferenze per fronteggiare accuse ingiuste, alcuni finiti dalla cattedra al processo, contro ambiguità politiche, negazionisti, fabbricatori di credulità, attori e cantanti travestiti da fitopatologi e agronomi. E mentre tutto ciò andava in scena, la Xylella avanzava e ora ci sta mettendo di fronte all’ultimo disperato tentativo di salvare il salvabile”.

Lo dichiara il Presidente della Commissione regionale Bilancio e Programmazione Fabiano Amati, commentando la nomina del Comitato anti-Xylella.

“Le battaglie combattute con Donato Pentassuglia tra i banchi del Consiglio regionale, delle Commissioni e nelle strade, ci regalano oggi una notizia di conforto; e speriamo che non sia troppo tardi.

È sempre molto fastidioso aver ragione in ritardo, perché certifica la bontà di un’opinione nel tempo in cui – tuttavia – non si può fare moltissimo per mutare il corso della storia. Contribuirò ovviamente a lavorare e collaborare con l’amministrazione regionale e con tutte le istituzioni scientifiche, per fare in modo che l’ultima metà di Puglia sia risparmiata dal flagello Xylella.

E mentre parlo mi torna in mente il ricordo del Prof. Giovanni Martelli, che non ha potuto vedere questo primo risarcimento al valore pesantemente ferito degli studi e della ricerca”.

 

POTRESTI ESSERTI PERSO: