Nella mattinata di martedì 5 marzo il Sindaco di Matera Raffaello De Ruggeri ed il Sindaco di Francavilla Fontana Antonello Denuzzo hanno firmato il protocollo d’intesa tra le due città.

L’accordo, della durata di 12 mesi rinnovabili, è finalizzato alla sperimentazione di forme di valorizzazione integrata negli ambiti della cultura e del turismo. Matera, che nel 2019 è il centro della cultura europea, rappresenta una vetrina importante per l’intero meridione che ha l’opportunità di sdoganare una immagine fortemente stereotipata.

Il primo prodotto del protocollo riguarderà la promozione dei Riti della Settimana Santa di Francavilla Fontana che saranno ospitati nella Capitale Europea della Cultura a partire dall’8 aprile in un affascinante percorso fotografico presso le sale espositive dell’ex ospedale San Rocco.

“Il Protocollo d’intesa con la città di Francavilla Fontana, rientra nella strategia di Matera Capitale europea della cultura 2019, finalizzata alla creazione di una rete tra i territori del Sud per il recupero delle identità comunitarie – dichiara il Sindaco di Matera Raffaello De Ruggeri – Matera intende svolgere un ruolo attivo nella valorizzazione del Mezzogiorno attraverso la sottoscrizione di patti d’azione che possano permettere un’integrazione sempre più forte tra le città meridionali, perché il Sud Italia può rinascere se riesce a varare politiche di collaborazione e a mettere da parte la suggestione errata che la crescita di un territorio deve passare necessariamente dall’impoverimento degli altri. Il legame culturale e sociale che lega le comunità è più forte di qualsiasi divisione e si può trovare, proprio nella cultura, il senso di appartenenza che si trasforma nell’adesione da parte dei cittadini al destino della polis”.

“L’accordo formalizzato con la Città di Matera ha una importanza strategica straordinaria – spiega il Sindaco Antonello Denuzzo – Matera Capitale Europea della Cultura è una opportunità per tutto il meridione. Non si tratta di una semplice vetrina per raccontare tutto il bello del sud, ma è una concreta occasione di crescita che pone gli amministratori locali di fronte ad una scelta di responsabilità. Il sud dei comuni, dei borghi e delle città deve unirsi, superando la logica dei campanili, in vista di un obiettivo più elevato, la crescita e lo sviluppo. Sono felicissimo che la città di Francavilla sia protagonista di questa svolta che può essere epocale. Sta a noi amministratori locali cogliere le dinamiche di una economia in rapida evoluzione e, rinnovando la tradizione, raccontare i luoghi, le bellezze, il patrimonio immateriale e materiale che ci circonda per costruire una economia capace di integrare le diverse identità comunitarie. Qui a Matera, con il Sindaco De Ruggeri, abbiamo sviluppato una idea di un sud diverso, capace di raccogliere le sfide economico-sociali e che vuole essere protagonista del proprio futuro”.