Un gruppo di ragazzini deride pubblicamente la vittima, nell’indifferenza degli adulti che assistono alla scena

Una persona disabile derisa e umiliata in strada. Gli adulti assistono da vicino alla scena, senza muovere un dito. Ha fatto il giro delle chat di whatsapp un video che documenta un vergognoso atto di bullismo avvenuto a Francavilla Fontana, alla luce del giorno. Il video risale a qualche tempo fa, ma per gli strani meccanismi dei social network, solo in questi giorni è tornato, tristemente, alla ribalta.

Come spesso accade in queste circostanze, è stato uno dei bulli a riprendere la scena con uno smartphone puntato proprio davanti alla faccia della vittima. Si sentono in sottofondo gli sberleffi da parte di alcuni ragazzini, oltre alle voci di qualche persona molto più in la con gli anni. Il tutto avviene nell’indifferenza di chi invece aveva l’obbligo morale di interrompere la pubblica gogna.

Si tratta di immagini che inevitabilmente riportano alla mente quanto accaduto lo scorso aprile a Manduria (Taranto), a pochi chilometri da Francavilla, dove il 66enne Antonio Stano per mesi è stato vittima di aggressioni, soprusi e angherie da parte di una gang di bulli. Anche in quel caso le scorribande notturne ai danni dell’anziano venivano riprese e riversate sul web dai teppistelli, quasi tutti minorenni, che andavano fieri dei loro ripugnanti atti di sopraffazione. Anche in quel caso, i grandi facevano finta di nulla.

Quella vicenda, come noto, ebbe un tragico epilogo, suscitando un’ondata di sdegno. Adesso, a Francavilla, sulla scorta anche della tragedia avvenuta nella vicina Manduria, le istituzioni si attivano. Il sindaco Antonello Denuzzo, attraverso un post pubblicato sul suo profilo Facebook nel pomeriggio odierno, ha annunciato che presto depositerà “una denuncia contro ignoti, per sottoporre alle valutazioni dell’autorità giudiziaria l’eventuale sussistenza dei reati di atti persecutori e molestie nei comportamenti che si rilevano in un video girato a Francavilla Fontana e circolato oggi sul web”.

“Ho chiesto agli Uffici comunali competenti – conclude il primo cittadino – di attivare senza esitazione ogni strumento di tutela della persona ripresa nelle immagini”. Il video dunque è stato acquisito dalle forze dell’ordine, che hanno subito avviato un’indagine per risalire ai responsabili.

negrita francavilla fontana

POTRESTI ESSERTI PERSO: