Dal 1991 ogni 14 novembre ricorre la Giornata Mondiale del Diabete promossa dall’International Diabetes Federation e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Sappiamo bene che in Italia sono circa 4 milioni le persone affette da diabete, mentre circa 2 milioni, pur non avendo il diabete conclamato, mostrano difficoltà a mantenere la glicemia sotto controllo a digiuno o dopo il pasto.

È per questo che si cerca di promuovere e ricordare l’importanza della prevenzione: il tema di quest’anno ruota intorno alla famiglia quale culla delle sane abitudini, un “nucleo” da proteggere e guidare, perchè il diabete è una malattia che può essere molto invalidante per chi ne è affetto e non sempre semplice da gestire, soprattutto quando colpisce i bambini.

Purtroppo però, nella nostra distratta società, conoscenza e prevenzione non vanno di pari passo: aumentano i casi di uomini, donne e bambini colpiti dal diabete e molti altri, purtroppo, non sanno ancora di averlo. L’unica reale cura è la conoscenza, l’informazione, al fine di prevenire, diagnosticare tempestivamente o gestire al meglio. Risulta dunque necessario parlare di prevenzione anche alle nuove generazioni attraverso un linguaggio Smart e comprensibile, parlando della malattia senza spaventare, ma donando gli strumenti giusti per anticiparla.

A tal proposito l’Amministrazione Comunale ha deciso di illuminare di blu la facciata del Palazzo di Città da lunedì 11 a domenica 17 novembre. Perchè “non vi è peggior schiavitù di quella che s’ignora”.

POTRESTI ESSERTI PERSO: