L’Assessorato alle Politiche Giovanili, con delibera del 9 maggio, ha istituito due borse di studio in ricordo di Antonio Megalizzi, il giornalista italiano morto nell’attacco di Strasburgo l’11 dicembre scorso.

Si tratta di due borse di studio di 500,00 euro ciascuna da destinare, attraverso ad un avviso pubblico, a giovani martinesi di età dai 15 ai 30 anni in forma singola o associata (ad es: classe scolastica, associazione, gruppo informale..) che racconteranno l’EUROPA, attraverso un elaborato (testo scritto, video, fotografia, rappresentazione grafica, musica, ecc…), intesa come: “Organizzazione internazionale regionale di integrazione economica e politica fondata sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani; che si pone come finalità generale la creazione di uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia senza frontiere interne, l’instaurazione di un mercato interno e lo sviluppo sostenibile basato su una crescita economica equilibrata, su un’economia di mercato competitiva e su un elevato livello di tutela e miglioramento dell’ambiente, sulla lotta all’esclusione sociale e alle discriminazioni; che nelle relazioni internazionali assicura promozione dei valori e degli interessi dei Paesi facenti parte dell’UE, contribuendo alla pace, alla sicurezza e allo sviluppo sostenibile, all’eliminazione della povertà, alla tutela dei diritti umani e al rispetto del diritto internazionale e dei principi della Carta delle Nazioni Unite”.

Questa azione è volta a rafforzare e sostenere il sentimento europeista delle giovani generazioni in un momento storico in cui regna lo scetticismo anti UE.
L’Unione europea è per i più giovani l’istituzione che garantisce, con la sua stessa esistenza, tutti quei fattori che ormai appartengono alla quotidianità: mobilità di studenti e lavoratori; finanziamenti all’occupazione e allo sviluppo sociale e  sicurezza.
I giovani hanno bisogno dell’Europa e l’Europa ha bisogno dei suoi giovani.