San Michele Salentino: trasporta due connazionali irregolari, arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

I Carabinieri della Stazione di San Michele Salentino hanno tratto in arresto in flagranza di reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento di manodopera in nero a mezzo di clandestini, un 40enne cittadino albanese residente in Cisternino.

L’uomo è stato fermato dai militari della Stazione di San Michele Salentino nel tardo pomeriggio di ieri, nel corso di un posto di controllo alla circolazione stradale.

Dal controllo è emerso che nell’autovettura da lui condotta vi erano due connazionali un35enne e un 30enne.

Approfonditi accertamenti hanno documentato che il cittadino albanese 35enne trasportato è risultato gravato da decreto di espulsione emesso dalla Questura di Brindisi il 7 dicembre 2015, nonché dal decreto di accompagnamento coattivo alla frontiera emesso dalla Prefettura di Brindisi.

Pertanto a seguito dell’esame della vicenda si è riscontrato che i due trasportati, anche loro dimoranti in Cisternino, lavorano per conto del 40enne e si occupano di costruzione e ristrutturazione dei muretti a secco che delimitano le proprietà rurali, attività per la quale i alcuni cittadini albanesi sono particolarmente bravi, infatti all’interno dell’auto sono stati rinvenuti tutta una serie di attrezzi del mestiere.

Al termine degli accertamenti il cittadino albanese clandestino è stato accompagnato nell’ ufficio stranieri della Questura di Brindisi per l’emissione dei relativi provvedimenti.

Il 40 enne arrestato al termine delle formalità di rito è stato rimesso in libertà così come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Guarda Anche
Scelti Per Te