San Vito dei Normanni: il nostro ricordo del Prof. Lorenzo Caiolo

Le innumerevole iniziative, sociali, umanitarie, che hanno caratterizzato la sua vita.

Il tragico incidente di mercoledì sera sulla Statale 7, nel tratto Latiano-Francavilla, in cui ha perso la vita Lorenzo Caiolo e le cui dinamiche sono ancora al vaglio della Polizia Stradale di Brindisi. Con il professore viaggiava anche il figlio adottivo Adama, portato al Perrino di Brindisi in stato di shock.

Qui vogliamo ricordare le tante cose fatte da Lorenzo.

Lorenzo Caiolo era nato a San Vito nel 1954 in una semplice e laboriosa famiglia, aveva frequentato da ragazzino alcuni seminari della regione, poi il Liceo Classico a Brindisi. Si era laureato presso l’ateneo salentino in filosofia. A 30 anni era già docente di italiano presso la “Media Meo” a San Vito. Promosse in quegli anni vari gemellaggi con altre scuole italiane, e dal 1992 sino a poco tempo fa ha insegnato presso il “Morvillo – Falcone” di Brindisi e quindi responsabile della sede staccata di San Vito, da lui tanto desiderata.

Lorenzo si è tanto impegnato in politica, come indipendente nel PCI, dal 1975 assessore ai servizi sociali, con un grande impegno nella battaglia per istituire qui a San Vito la prima Guardia Medica della provincia con l’aiuto di una vecchia radio locale; l’istituzione di vari servizi socio-sanitari e con il fattivo impegno dell’indimenticabile ostetrica Irma Piccinelli, “La bolognese”, il consultorio familiare.

E’ stato primo cittadino dal 1984 al 1986 e dal 1988 al 1991.

Nel 1984 insieme ad alcuni amici, primo fra tutti Francesco Sardelli, fonda l’associazione “Fratellanza popolare”. Il Prof. Caiolo ha rivestito molti altri incarichi sempre nell’ambito dei servizi alle famiglie e ai ragazzi a Mesagne, a Francavilla Fontana e a Ostuni.

Presentatore sui palchi di tutta Italia e all’estero del gruppo di musica popolare “La Taricata”, ma lui non era solo il presentatore era il vero motore e trascinatore del gruppo.

Nel 2000 fu premiato per il progetto per la costruzione di una città a misura di bambini, per la promozione di una cultura della pace e della solidarietà e per l’organizzazione di eventi come “La Settimana Dei Bambini Del Mediterraneo”

“E’ stato co-fondatore del portale di informazione “SanVitoin”, forse perché ricordava “SanVitoInRete”, l’associazione di giovani che aveva creato e che portava sempre, sempre, nel cuore.” (Dalla pagina facebook di SanVitoIn)

L’amministrazione comunale sanvitese ha deciso per il giorno dei funerali di allestire la camera ardente nell’aula del Municipio e di indire il lutto cittadino.

Guarda Anche
Scelti Per Te