Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

Siamo stati ricevuti dalla Principessa Fabrizia Dentice di Frasso, che con il marito Principe Giuliano e i due figli Gianluigi e Maria Ortensia abitano nell’omonimo castello, autentico gioiello del territorio che regge al passare del tempo e ci apprestiamo a visitare qualche sala.

Siamo stati ricevuti dalla Principessa Fabrizia Dentice di Frasso, che con il marito Principe Giuliano e i due figli Gianluigi e Maria Ortensia abitano nell’omonimo castello, autentico gioiello del territorio che regge al passare del tempo e ci apprestiamo a visitare qualche sala. Con la Principessa ci intratteniamo in una piacevole conversazione che varia in diverse direzioni. Dalla famiglia, alle problematiche in generale che la vita ci porta ad affrontare quotidianamente, al modo di sentirsi “forestiera” in questa comunità.

1) Da quasi mille anni il vostro Castello continua a incantare ancora oggi i visitatori. Perché?

Perché è l’unico castello in Puglia ancora abitato dal 1700 dalla famiglia Dentice di Frasso ed è rimasto uguale negli ultimi secoli non avendo subito alcuna modifica strutturale conservando quindi tutto il suo fascino.

2) Che impressioni hanno i visitatori entrando in questo splendido maniero?

I visitatori entrando rimangono intimiditi dall’imponenza della struttura e dall’arredamento e si complimentano con noi proprietari per l’impegno personale che dedichiamo per il mantenimento di questa dimora storica. Inoltre chi entra resta affascinato dall’atmosfera accogliente e famigliare che si respira all’interno delle mura.

3) Come sono i rapporti con la comunità sanvitese?

I rapporti con la comunità sanvitese sono buoni. Mi auguro che i sanvitesi apprezzino il lavoro di promozione che insieme a mio marito stiamo svolgendo per far conoscere ai turisti sia il nome del castello, simbolo del paese, sia San Vito stesso.

4) Ci parla della sua splendida famiglia?

La mia famiglia è composta da me, mio marito Giuliano e i nostri due gemelli tredicenni. Come in tutte le famiglie si vivono momenti di alti e bassi, ma alla fine è proprio il calore della famiglia, il valore più importante della vita e il principale punto di riferimento.

5) Gli impegni di mamma e moglie richiedono tanto tempo da dedicare, riesce a trovare tempo libero per qualche hobby?

Senza dubbio gli impegni di mamma e moglie richiedono del tempo, tant’è che ho dovuto mettere da parte il mio lavoro di avvocato. Per mio carattere ho bisogno di rimettermi sempre in gioco, amo le sfide, così sono riuscita a ricavarmi uno spazio che dedico ad un hobby che mi sta dando molte soddisfazioni: le incisioni su vetro fatte esclusivamente da me.

Quando e come ha iniziato

Questa passione è iniziata per gioco quando un giorno, rovistando fra i bauli, ho trovato un attrezzo con delle punte metalliche. Ho subito intuito che quell’arnese dovesse servire anticamente per incidere qualcosa, quindi ho provato ad utilizzarlo su di un barattolo di vetro ottenendo da subito un risultato entusiasmante! Così mi sono messa all’opera iniziando a fare le mie prime incisioni su vetro (bugie, bicchieri e sottopiatti), regalandole poi alle amiche che mi hanno incoraggiata a coltivare tale passione.

Le sue opere d’arte come si possono vedere?

Scoprendo questa mia vena artistica ho ricavato all’interno del castello una stanza, dove espongo i miei vetri a coloro che passano per visitare il castello.

Che cosa rende interessanti le sue incisioni.

Si tratta di un artigianato di lusso, nato a Murano nel lontano 1500, che qualcuno ha definito l’alta moda dell’arte della tavola poiché si incide a mano con frese diamantate su vetri veneziani che, personalizzati di volta in volta con stemmi, iniziali o disegni, si trasformano in pezzi unici e preziosi, da realizzare quindi solo in piccole serie. I miei lavori ultimamente sono stati oggetto di grande interesse da parte di Paesi esteri tanto che sono diventata partner di un progetto che promuove in Europa e nel mondo l’artigianato di nicchia pugliese avendo quindi la possibilità di far conoscere i miei manufatti artistici fuori dall’Italia in varie esposizioni.

La nostra breve conversazione con la padrona di casa, che ci ha ricevuti con squisita ospitalità, termina con l’impegno della famiglia Dentice di promuovere ancora il CASTELLO con eventi culturali e di riflesso anche il nostro territorio.

Foto e servizio: Ciccio De Leonardis