brandi
brandi
Volantino Spazio Conad Mesagne

Consegnate questa mattina le 5 vele nella sede di Legambiente nazionale a Roma

C’è aria di rinnovamento per Il mare più bello 2017, la Guida di Legambiente e Touring Club Italiano che quest’anno offre ai suoi lettori una nuova bussola, quella dei comprensori turistici, per orientarsi tra le tante località marine e lacustri della Penisola. La Guida mette in fila oltre 100 comprensori (tra marini e lacustri, ossia territori vasti che possono contenere anche più comuni). Una scelta dettata dal fatto che chi va in vacanza non si ferma al confine amministrativo, ma visita spesso un territorio più ampio optando per modalità di turismo itinerante. Ecco perché quest’anno Il Mare più bello non assegna le 5 vele ai singoli comuni, ma ad interi comprensori turistici scelti secondo i tradizionali criteri della Guida e all’interno dei quali è poi possibile scoprire i comuni che ne fanno parte con le singole valutazioni.

In Puglia quest’anno le 5 vele sventolano in 2 comprensori turistici: Alto Salento Adriatico, in cui ricadono i Comuni di Otranto e Melendugno, e Costa del Parco Agrario degli Ulivi secolari, che comprende Polignano a MareFasanoMonopoliOstuni e Carovigno.

Questa mattina nella sede di Legambiente a Roma, hanno partecipato alla premiazione il sindaco di Carovigno Carmine Brandi e l’assessore all’ambiente Enzo Vacca.

Soddisfatto dell’operato e dei traguardi raggiunti quest’anno il primo cittadino della città della Nzegna che al microfono di Valle d’Itria Notizie ha dichiarato: “Questa mattina la nostra città, ricadente nel comprensorio Costa del Parco agrario degli Ulivi secolari, che include i comuni di Polignano, Monopoli, Fasano, Ostuni e Carovigno, è stata premiata con il massimo riconoscimento delle “Cinque Vele”. Come già successo per l’acquisizione delle bandiere blu 2016/2017, questo per la nostra amministrazione e per la nostra città è solo l’inizio di un percorso virtuoso nel settore turistico ecosostenibile, in questo momento mi sento di ringraziare legambiente e tutti coloro i quali hanno collaborato al raggiungimento di questo importante traguardo. Adesso i paesi Costa del Parco Agrario degli Ulivi secolari, devono remare nella stessa direzione, per rendere sempre più importante questa fetta di territorio della nostra bellissima regione”.