Pubblicità
Volantino Spazio Conad Mesagne

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha reso noto di aver scritto al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere “…una spinta per restituire dignità alla funzione giudiziaria del capoluogo di regione. Credo che queste condizioni non siano più sopportabili”.

A margine della riunione in Prefettura a Bari per definire la sede dove celebrare il processo sul crac della Banca popolare di Bari, parlando del progetto del Polo della Giustizia barese, il Sindaco di Bari ha voluto far sapere di non aver abbassato la guardia in merito. Durante la riunione “ho consegnato due lettere che ho mandato al ministro della Giustizia – ha spiegato Decaro – in cui riferisco di aver scritto al presidente della Repubblica in maniera irrituale, ma spero non irriverente, però ritenevo opportuno informare il presidente la Repubblica del fatto che purtroppo da gennaio di quest’anno, quando c’è stato il tavolo tecnico inter-istituzionale, non abbiamo ancora notizie e, come si vede anche da quello che sta accadendo per il processo della Banca Popolare di Bari, gli spazi presi in affitto non sono idonei, non risolvono i problemi“.

Abbiamo deciso nel 2014 la locazione del nuovo Polo giudiziario nell’area delle ex Casermette di Bari, “all’unanimità di tutti gli attori istituzionali – ricorda il sindaco Antonio Decaroabbiamo firmato il protocollo già nel luglio 2019 con i fondi a disposizione, abbiamo l’opportunità di altri fondi con il recovery fund e ho chiesto al presidente Conte di mettere altre risorse per realizzare da subito non solo il Tribunale penale ma anche il civile e il tribunale dei minori e, con il decreto semplificazioni che prevede l’individuazione di opere strategiche che hanno la necessità della nomina di un commissario, ho chiesto di inserire il polo della giustizia di Bari tra le opere da commissariare, con un commissariamento da parte di un dirigente del Ministero della Giustizia o chi vorranno loro. L’importante è che si proceda speditamente perché la città ha bisogno del suo polo della giustizia“.

Gennaro Del Core