Pubblicità

Ancora un’autovettura in fiamme a Carovigno nella campagne di Torre Santa Sabina. Erano circa le ore 6 di oggi (31 dicembre) quando ha preso fuoco la Peugeot intestata alla donna che insieme ai famigliari gestisce una pizzeria nel porticciolo di Torre Santa Sabina che si trovava parcheggiata sotto la veranda dell’abitazione, adiacente a quella di un noto architetto.

Il rogo ha trasformato il veicolo in una palla di fuoco. L’incendio si è rapidamente propagato anche alla porta di ingresso, alla tapparella di una finestra e alla veranda, annerendo il fabbricato. Sul posto si sono recati i vigili del fuoco del distaccamento di Ostuni, oltre a una pattuglia di carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni.

Grazie al tempestivo intervento dei pompieri, le fiamme sono rimaste circoscritte alla parte esterna della casa. L’origine della combustione è da appurare. Le forze dell’ordine hanno però accertato che la macchina era sprovvista di batteria. E’ poco plausibile, quindi, l’ipotesi che sia partito tutto da un cortocircuito. Si segue la pista del dolo. Non la prima volta, del resto, che a Torre Santa Sabina si verificano simili episodi. Basti pensare all’attentato incendiario ai danni del ristorante “Il Tamericio”, in contrada Carisciola, verificatosi la notte fra il 28 e il 29 agosto.