Pubblicità

Si conclude con un bilancio più che positivo il primo incontro dei “Tavoli per la Sussidiarietà Circolare – Modello VITACOM”, che si è tenuto ieri 07 aprile nella Sala Consiliare del Comune di Carovigno.

L’iniziativa – patrocinata dall’Ambito Territoriale Sociale Br/3 e dall’Amministrazione Comunale di Carovigno in collaborazione con il team VITACOM – ha consentito a cittadini, pubbliche amministrazioni, associazioni no profit e imprese di confrontarsi sui principali bisogni avvertiti dalla comunità e proporre idee progettuali utili per la città.

Ad introdurre i lavori l’Assessore alla Cultura, Pietro Laghezza, che ha portato il saluto dell’amministrazione comunale e del Sindaco di Carovigno, Carmine Brandi, assente per motivi istituzionali.

“Vi ringrazio per essere così numerosi e per aver preso parte a questa iniziativa patrocinata dall’Ambito. Il Modello VITACOM rappresenta una importante opportunità di crescita per il nostro paese innanzitutto perché si tratta di un progetto che mira a dare gli aiuti necessari sia alle imprese che alle associazione per la realizzazione di start up. Il Sindaco – conclude Laghezza – porta i suoi saluti, si spera che la prossima volta possa essere presente perché ci tiene particolarmente a questa iniziativa”.

Ad intervenire anche la referente dell’Ambito Territoriale Sociale per il Comune di Carovigno, Teresa Urso.

“L’iniziativa è stata recepita bene e a dimostrarlo è la significativa presenza di oggi. Il progetto tra l’Ambito e il Comune è nato per far emergere le esigenze di ogni singolo territorio e di ogni singolo Comune appartenente all’Ambito, in modo tale da prendere spunto per la realizzazione di progetti”.

Soddisfatto per l’esito dell’iniziativa l’amministratore unico della società VITACOM, nonché ideatore dell’omonimo Modello di innovazione sociale e moderatore della serata, Giovanni Vita.

“Sono felice della risposta a questo primo incontro e credo che nel corso delle prossime settimane altre imprese ed altri cittadini vorranno partecipare e proporre iniziative per il bene comune. Vogliamo prima di tutto promuovere la cultura della persona e delle relazioni sociali autentiche. È una sfida culturale a cui tutti siamo invitati a partecipare, e che tutti possiamo vincere”.

Gli appuntamenti con il Modello VITACOM non terminano qui. Nelle prossime settimane il team VITACOM sarà a disposizione della comunità di Carovigno per raccogliere ulteriori istanze e rispondere alle domande della comunità, seguirà poi del secondo evento dei Tavoli per la Sussidiarietà Circolare. Le date, gli orari e le location delle altre iniziative saranno comunicate nei prossimi giorni.