Pubblicità

Tracimano le trincee drenanti del depuratore consortile di Bufalaria, e i reflui depurati percorrono le campagne sino alla complanare sud della superstrada 379, formando un torrente. Un segnale preciso per chi da tre anni si tiene nel cassetto gli iter autorizzativi della condotta subacquea“

Tracimano le trincee drenanti del depuratore consortile di Bufalaria, e i reflui depurati percorrono le campagne sino alla complanare sud della superstrada 379, formando un torrente. Un segnale preciso per chi da tre anni si tiene nel cassetto gli iter autorizzativi di competenza per la rigenerazione e il prolungamento della condotta sottomarina di Apani, vale a dire i Comuni di Carovigno e Brindisi, destinazione finale dell’impianto di trattamento che serve gli abitati di Carovigno (allacciatosi per ultimo), San Vito dei Normanni e San Michele Salentino, e al quale si dovranno presto allacciare anche le borgate marine di Santa Sabina, Pantanagianni e Specchiolla.

GUARDA IL VIDEO DEI REFLUI DEL DEPURATORE FINITI NELLE CAMPAGNE

Sul posto si sono recati i carabinieri forestali e i tecnici del dipartimento di Brindisi dell’Arpa, per gli accertamenti del caso. L’Acquedotto Pugliese, gestore dell’impianto, non ha ancora diramato comunicazioni sull’accaduto e sulle contromisure. Le trincee drenanti erano la soluzione-ponte per evitare che il depuratore, comunque di ultima generazione, unisse anche i suoi scarichi a quelli già convogliati nel Canale Reale, e meno affinati, delle città di Francavilla Fontana, Latiano e Ceglie Messapica, che finiscono tutti nella baia dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto.

L’iter per mettere in attività la condotta subacquea, che richiede anche autorizzazioni sulla terraferma per il tratto che deve raggiungere il punto di immersione ad Apani, è come già detto fermo da anni negli uffici dei due Comuni interessati, qualche giorno fa in disputa tra loro per contendersi il merito dell’assegnazione della Bandiera Blu alla spiaggia di Torre Guaceto Ora dovranno sbrigarsi perchè la soluzione transitoria delle trincee drenanti mostra la corda.

Fonte BRINDISI REPORT