Teatro Paolo Grassi Cisternino
Teatro Paolo Grassi Cisternino
Volantino Spazio Conad Mesagne

Da “L’Analfabeta” di Agota Kristof, immagini e grafica: Giuseppe Magrone, con Patrizia Labianca, progetto e regia: Marinella Anaclerio
Lo spettacolo

“…sono tornata analfabeta. Io che leggevo già a quattro anni. […] All’età di ventisette anni mi iscrivo ai corsi estivi dell’Università di Neuchàtel, per imparare a leggere.”
Agota Kristof è nata in Ungheria nel 1935. Il padre è un insegnante, l’unico insegnante del suo piccolo paese. Nel 1956, quando l’Armata rossa interviene in Ungheria per sedare le rivolte popolari è costretta ad abbandonare la sua terra natale insieme a marito e figlia neonata per rifugiarsi in Svizzera . Nella fuga porta con sé solo due borse: una di pannolini e biberon e l’altra con i suoi vocabolari.Lei che a quattro anni già leggeva si ritrova in un paese dalla lingua sconosciuta…“ come spiegargli, senza offenderlo, e con le poche parole che so di francese, che il suo bel paese non è altro che un Deserto, per noi rifugiati, un deserto che dobbiamo attraversare per giungere a quella che chiamiamo “ integrazione”, “assimilazione”?. Così con la perdita della Madre Patria, diventa orfana anche della Madre Lingua.