Pubblicità

Nella mattinata odierna, a Carovigno, presso il Palazzo di Città si è svolta una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, convocata dal Prefetto di Brindisi.

Nella mattinata odierna, a Carovigno, presso il Palazzo di Città si è svolta una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, convocata dal Prefetto di Brindisi, al fine di procedere ad un esame della situazione generale dell’ordine e della sicurezza pubblica in quel territorio, alla luce dei recenti atti intimidatori ed in particolare dopo l’episodio occorso il 22 dicembre 2017 con l’incendio dell’autovettura della moglie del sindaco.​

All’incontro hanno preso parte, oltre ai vertici territoriali delle Forze dell’Ordine, il Sindaco Carmine Brandi, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Brindisi, Dr. Antonio de Donno, il Presidente del Consorzio di Torre Guaceto, Dr.Mario Tafaro. Nel corso dell’incontro è stata analizzata la complessiva situazione di quel comune, continuamente all’attenzione del Prefetto, della Procura di Brindisi e delle Forze dell’Ordine nelle riunioni tecniche di coordinamento tenutesi finora per le conseguenti misure di prevenzione e contrasto dei fenomeni criminosi.

Ancor più è stata avvertita l’esigenza di dare corso, a livello locale, ad una analisi congiunta ed ad una forte e tempestiva strategia di interventi, condivisa pienamente dai presenti, orientata ad intensificare le azioni di prevenzione e di controllo sull’intero territorio comunale ed anche sull’area della Riserva Naturale di Torre Guaceto.

A seguito dell’incontro sono stati da un lato confermati i servizi generali di controllo del territorio, già incrementati all’indomani dell’atto intimidatorio del 22 dicembre e, dall’altro, è stata riaffermata e condivisa l’esigenza di assicurare la circolarità delle informazioni relative alle procedure in atto concernenti in particolare la gestione della Riserva di Torre Guaceto al fine di consentire una più efficace modulazione delle azioni, sia sul piano della prevenzione che della repressione.

Particolare attenzione verrà dedicata, anche con il supporto delle Forze dell’Ordine, alla esigenza di dare corso sollecitamente agli adempimenti amministrativi che possano consentire, in vista della prossima stagione estiva, la fruibilità di aree idonee a servizio della riserva di Torre Guaceto, oggetto di un percorso progettuale già avviato dal Consorzio di Torre Guaceto, d’intesa con la Amministrazione Comunale.