Si è svolto, oggi, 18 febbraio all’ Anci di Bari, un importante incontro tra i centri pugliesi che rientrano tra   “I Borghi più belli D’Italia ”. L’iniziativa è stata convocata dal coordinatore regionale, per la Puglia, Donato Baccaro sindaco di Cisternino, ed ha visto la partecipazione del vicepresidente nazionale Livio Scatolini, e di tutti i delegati dei borghi pugliesi. All’incontro ha preso parte anche la professoressa Mariangela Turchiarulo, in rappresentanza del Politecnico di Bari. L’ateneo del capoluogo è stato incaricato dall’ associazione nazionale, che ha accolto le istanze provenienti dal sindaco Donato Baccaro e dagli altri rappresentanti della Puglia, di elaborare un progetto che possa portare ad uno studio di fattibilità su possibili interventi per recuperare e riqualificare il patrimonio storico e culturale dei centri pugliesi, tra cui Cisternino, che fanno parte de “I Borghi più belli D’Italia”. Durante l’incontro è stata illustrata l’attuale fase di elaborazione del progetto. La Puglia, tra le realtà dei borghi nazionali, è stata la prima ad aver individuato, come partner per realizzare questa pianificazione territoriale, un ente importante e qualificato come il Politecnico di Bari. Tra le decisioni più importanti, inoltre, assunte dai rappresentanti dei borghi, oggi, c’è stata la condivisione del percorso che porterà in tempi brevi alla costituzione de “I Borghi più belli D’Italia in Puglia”, attraverso degli atti amministrativi che saranno deliberati dai consigli comunali. «Abbiamo messo una prima importante pietra per la costituzione dell’associazione pugliese. Ciò permetterà – sottolinea il sindaco di Cisternino, e coordinatore pugliese, Donato Baccaro – nell’immediato futuro di creare una rete, con i centri del Gargano, Valle D’ Itria e Salento, al fine di promuovere i borghi della Puglia, tra cui Cisternino. L’associazione avrà, così, la possibilità di partecipare a bandi regionali ed europei. Questo permetterà di aprire una nuova fase che potrà puntare, nei nostri territori, tra i diversi aspetti ad implementare l’accoglienza turistica e la valorizzazione del patrimonio storico e culturale». L’obiettivo, così, diventa quello di rafforzare la rete tra i dieci centri pugliesi che fanno parte de “I Borghi più belli D’Italia”, per avviarsi verso nuovi scenari di sviluppo, dal punto di vista ambientale, turistico e culturale. Il vicepresidente nazionale Livio Scattolini ha manifestato soddisfazione per il lavoro che i borghi della Puglia stanno portando avanti, anche in riferimento alle iniziative future.