Audio 2
Audio 2
Volantino Spazio Conad Mesagne

Un serata dedicata a Mattia Tagliente

Di Angela Anglani

Una serata che è servita a promuovere la cultura della donazione, presso il Cinema Teatro Nuovo a Martina Franca. L’Associazione “Lo Sportello di Mattia” (coordinata dalla dottoressa Serenella Balestrazzi), da sempre impegnata nella diffusione della cultura della Donazione degli Organi e nella promozione dello sportello di consulenza filosofica e counseling esistenziale ha presentato “Roba da Matti…a” terza edizione della manifestazione in memoria di Mattia Tagliente, giovane martinese scomparso prematuramente due anni e mezzo fa e i cui organi sono stati espiantati dando la possibilità di continuare a vivere ad altri pazienti. Un appuntamento speciale non solo di riflessione ma pure di divertimento grazie alla presenza di Elena Urso, Marcella Semeraro, Livia Mariella, Osmanno Montanaro, Mariantonietta di Marco, Gianni Lenoci, Joel Martucci, Serena Berni, Marilu’ Schiavone, Lilly Carbotti che per allietare la serata e per contribuire alla raccolta di fondi da devolvere in beneficienza hanno presentato il corto teatrale “Parliamone… da organi civili” scritto da Valentina Colucci, con la collaborazione scientifica della dottoressa Roberta Romito e del dottor Antonello Dell’Era e diretto Carlo Dilonardo,direttore artistico della serata e da Elina Semeraro. E’ stata davvero una bella serata con tanti artisti ,dal bravissimo presentatore conduttore radio-televisivo Alessandro Greco che ha regalato una sua personalissima interpretazione di “Avrai” di Claudio Baglioni all’Orchestra Terra d’Otranto, diretta dal maestro Antonio Palazzo e poi il prezioso momento musicale degli Audio 2 che hanno animato la platea del Cinema Nuovo con alcuni dei loro successi partendo da Si che non sei tu, fino al celebre pezzo Alle Venti. Nel corso della serata sono state consegnate due borse di studio per gli studenti degli istituti scolastici di Martina Franca, che hanno realizzato il videomessaggio più originale, avente come tema la speranza. Un grazie particolare ai genitori di Mattia, Mina e Michele e al fratello Marco che ci hanno fatto immergere nell’atmosfera dell’amore gratuito, dell’amore ricco di senso e significati, che ci hanno invitato a guardare in alto, verso l’oltre e l’altro, perché scopo di ogni azione, di ogni atteggiamento, di ogni sforzo può solo essere l’amore.